Audi A3 Sportback e-tron, l'inizio di un nuovo viaggio

Un'altra auto, un altro viaggio, un'altra vita. Queste sono le sensazioni che mi hanno sempre trasmesso le vetture elettriche o le ibride plug-in e l'Audi A3 Sportback e-tron che ho provato attorno a Vienna me lo ha confermato ancora una volta. La e-tron usa però le forme familiari della cinque porte tedesca al posto dello stile futuribile di alcune concorrenti. Niente fibra di carbonio in stile BMW i3, nessuna nuova piattaforma come Nissan Leaf o Toyota Prius Plug-in: solo una "semplice" A3 Sportback con una tecnologia ibrida plug-in perfettamente integrata che svolge al meglio la sua funzione efficiente. Niente sorprese quindi nello scoprire che durante la prova di 106 km ho consumato appena 2,9 l/100 km di benzina, oltre al "pieno" elettrico da 8,8 kWh. Un risultato ottenuto nel massimo comfort e silenzio di quasi 48 km in modalità EV, insomma con un'integrazione elettrica così riuscita da non sfigurare di fronte ai prodotti del gruppo Toyota, leader storico della tecnologia ibrida.


E’ la prima con il nuovo look e-tron


Ammetto che è davvero strano vedere il logo anteriore dei quattro anelli che scorre lateralmente per scoprire la presa di carica elettrica, ma la soluzione mi pare buona anche a livello estetico dato che evita un altro sportellino laterale. A distinguerla dalle altre A3 Sportback ci sono pochi altri dettagli come la griglia anteriore single frame dal disegno specifico, le scritte e-tron e i cerchi con design a turbina. Il tutt...