Fiat Punto 2012, votata alla pulizia

Punto. Archiviati Evo e Grande, l'auto di segmento B più venduta d'Italia torna a chiamarsi solo Punto. Una variazione anagrafica che si accompagna a un lieve facelift, a due soli anni di distanza dall'ultimo intervento effettuato sulla vettura. Modifiche di dettaglio che però alleggeriscono il "colpo d'occhio" offerto dalla due volumi torinese. Gli stilisti hanno infatti eliminato le fasce a contrasto nei paraurti e il profilo cromato sopra la mascherina. Risultato: il muso guadagna in eleganza ed è destinato a durare più a lungo nel tempo. Quanto alla gamma, la Punto 2012 è acquistabile fin da subito con le motorizzazioni già esistenti per la Evo; si dovrà attendere fino ad aprile per ordinare la bicilindrica TwinAir, peraltro guidabile anche dai neopatentati, grazie al rapporto peso-potenza entro la soglia dei 55kW/t.

TURBAMENTI DI COPPIA

Dopo 500, nuova Panda e Alfa MiTo, il TwinAir trova spazio anche sotto il cofano della Punto. Una presenza che non passa inosservata, o meglio inascoltata. Perché il timbro dei due cilindri è inconfondibile (con le debite proporzioni ricorda quello della 500 anni '60) e le vibrazioni trasmesse al corpo vettura sono innegabili, almeno fino a 2.000 giri. Riprendendo velocità dopo un dosso, per esempio, la Punto TwinAir mette in evidenza un sensibile "singhiozzo": in misura ridotta rispetto a quello dei primi TwinAir (grazie anche al nuovo volano), ma comunque presente. Un comportamento che induce a scalare una marcia, anche se in realtà non s...