Infiniti M35h, in gara con l'ibrida più veloce al mondo

Più comfort, efficienza, prestazioni, sicurezza. Sono almeno quattro i vantaggi che abbiamo avuto rispetto a molti nostri avversari nel conquistare il terzo posto assoluto su una Infiniti M35h al 3° Ecorally Press "Trofeo Nello Rosi", una gara di regolarità riservata a giornalisti e veicoli a propulsione alternativa promossa dal Consorzio Ecogas in collaborazione con Assogasliquidi/Federchimica. Gli 824 chilometri da Torino a Città del Vaticano, dei quali 724 nella sola giornata di sabato, sono stati però anche il nostro banco di prova per un long test tutto particolare con l'ibrida più veloce del mondo, di cui abbiamo apprezzato le qualità impegnati fra medie stabilite e passaggi orari da rispettare, aiutati nel nostro compito dal navigatore con mediometro integrato specifico per competizioni di regolarità Geosat 6 Regolarità gentilmente messoci a disposizione da AvMap Italia.

EFFETTO CALAMITA

Torino, Quarto dei Mille, Arezzo, Assisi, Ponzano Romano, Roma, Piazza San Pietro: sarà perché il marchio Infiniti "sa" ancora di esotico (è arrivato in Europa solo a fine 2008), sarà per il design sobrio ma insieme sportivo, sta di fatto che ad ogni sosta la nostra M35h provoca un "effetto calamita" sul pubblico che attende il nostro passaggio. Ad Arezzo, appena scesi dalla nostra superberlina ibrida, un signore di mezza età ci chiede se può mettersi al posto guida per farsi scattare una foto e in un attimo ci ritroviamo accerchiati da un nutrito capannello di curiosi che vuole saperne ...