Ormai tutti vogliono i SUV e (quasi) tutti producono i SUV. A mancare all'appello sono davvero una manciata di Case, tra cui smart, la cui gamma è composta dalle citycar elettriche fortwo EQ e forfour EQ. Almeno per ora.

Dopo anni di rumors infatti è ora ufficiale che anche la Casa tedesca nel 2022 produrrà un modello con assetto rialzato e, nel rispetto del piano industriale, disponibile unicamente in versione emissioni zero.

Gigante compatto

La chiama così Daniel Lescow, vice presidente vendite e marketing della Casa, che per primo ha annunciato il lancio del nuovo modello con un post sul proprio profilo Linkedin, con tanto di foto della piattaforma SEA che verrà utilizzata per il SUV elettrico di smart.

smart Forstars, il concept 2012
La smart forstsars, concept del 2012 che prefigurava un SUV da città
smart Forstars, il concept 2012
La smart forstsars, concept del 2012 che prefigurava un SUV da città

Una piattaforma che verrà sviluppata assieme a Geely, colosso cinese e azionista di maggioranza del Gruppo Daimler di cui smart fa parte, nonché proprietaria di Volvo, Polestar e Lynk & co. Una meccanica che potrebbe quindi anche essere condivisa con altri modelli, tra cui le nuove fortwo e forfour, anche loro in arrivo nel 2022 e prodotte in Cina, ed essere scalabile, così da potersi adattare a differenti misure.

external_image

Non un semplice SUV

Non sarà un SUV qualsiasi. Sarà un vero SUV intelligente che incarna tutto ciò in cui crediamo: design progressivo, innovazione, alta tecnologia e, naturalmente, mobilità a batteria. [...] Sarà eccezionale - immediatamente riconoscibile come SUV intelligente, ultramoderno, sofisticato e avanzato nelle soluzioni di connettività. E soprattutto, avrà la più intelligente di tutte le caratteristiche: sarà supercompatto all'esterno e grande all'interno.

Una descrizione che conferma quindi la filosofia di smart nel proporre auto dalle dimensioni estremamente ridotte e a prova di città ma, grazie all'assenza degli elementi meccanici tipici delle auto con motore termico, capace di offrire tanto spazio per occupanti e bagagli.

Ma quanti occupanti? Qui iniziano i tanti interrogativi: se da una parte infatti smart si è fatta conoscere e ha fatto la propria fortuna con la fortwo a 2 posti, limitare la gamma a un modello con una sola fila di sedili potrebbe non essere vincente. Magari, proprio come accade ora, potrebbero esserci differenti varianti a 2 o 4 posti.

Fotogallery: smart Forstars, il prototipo di SUV da città