Cadillac SRX 3.0 V6 AT AWD Sport Luxury

Prima i SUV, poi i crossover: sono le due categorie di auto nate Oltreoceano e sbarcate in seguito nel Vecchio Continente, dove si sono poi evolute per adattarsi ai gusti degli automobilisti "autoctoni". La Cadillac SRX oggetto della nostra prova su strada è in un certo senso un'occasione di tornare alle origini, analizzando come la Casa americana abbia unito nel design esterno di questo modello le caratteristiche tipiche dei SUV con le proporzioni da crossover, proponendo una ricetta alternativa alle concorrenti europee fatta con i seguenti ingredienti: V6 a benzina, cambio automatico a 6 rapporti, ampio spazio per persone e bagagli e trazione integrale permanente. Con un listino di partenza fissato in 58.243 euro, l'allestimento Sport Luxury del "nostro" esemplare prova a distinguersi sia dai soliti nomi del segmento (Audi Q7, BMW X5, Mercedes Classe M), che dagli outsider o dai mostri sacri (Infiniti FX, Jeep Grand Cherokee, Land Rover Discovery, Lexus RX, Volkswagen Touareg, Volvo XC90), puntando sulla voglia di distinguersi dai potenziali acquirenti.

ACCENNO ALLE PINNE ANNI '50

L'aspetto estetico della Cadillac SRX si affida all'attenzione riservata ad alcuni dettagli, come i fari posteriori che sporgono dalla carrozzeria per mettere in evidenza i propri spigoli. L'enfasi conferita ai gruppi ottici di coda - molto ricercati anche nella realizzazione delle lampade interne - riallaccia la SRX alle berline a tre volumi di Casa Cadillac, con la linea di cintura alta e l'andame...