Un esemplare per ognuno dei 106 proprietari, con l’abitacolo a tre posti in vista. Quella vera supererà i 391 km/h

Se siete uno dei 106 fortunati proprietari della McLaren BP23, l’hypercar ibrida dal nome ancora sconosciuto che sarà prodotta e consegnata nel 2019, allora riceverete questa settimana la McLaren BP23 “Speed Form”, una scultura ispirata alla futura Hyper-GT inglese. Tutti gli altri dovranno accontentarsi di ammirarla in queste foto che in qualche modo ci mostrano l’impostazione a tre posti con guida centrale della più aerodinamica e veloce delle McLaren: la Casa britannica ha infatti ufficializzato una velocità massima superiore alle 243 miglia orarie, ovvero 391 km/h.

Posto guida centrale

Questa compatta opera d’arte che misura 400 x 205 x 80 mm e pesa 3,6 kg è stata realizzata con una fresa a controllo numerico CNC a 5 assi, un processo durato 100 ore, comprese le 30 ore per la lucidatura a mano. Ognuna delle 106 sculture è numerata e porta la firma di Rob Melville, responsabile del design e Andy Palmer, direttore della linea Ultimate Series di McLaren. La forma stilizzata dell’abitacolo ci mostra il sedile centrale in rosso che prosegue con un arco verso la coda e due carenature dietro la testa dei passeggeri di destra e sinistra.

Come e più della F1

Ricordiamo che la BP23 di produzione (qui il nostro rendering) vuole avere molti punti in comune con la storica McLaren F1 degli Anni ‘90, a partire dalla velocità massima di 391 km/h, passando per l’abitacolo a tre posti e arrivando ai 106 esemplari prodotti. A livello meccanico la nuova BP23 sarà però più simile alla P1, con motore ibrido, ma più veloce anche dell’altra Ultimate Series, la Senna. Rispetto a questa la nuova Hyper-GT, che un prezzo di circa 1,83 milioni di euro (tasse escluse), sarà però più votata all’uso stradale, una Gran Turismo velocissima e lussuosa.

McLaren BP23 Speed Form