La grande berlina inglese verrà lanciata a fine 2019 e affiancherà 007 nel film “Shatterhand”

C’è ancora un’Aston Martin nel garage di James Bond, ma stavolta è elettrica. La notizia, non ufficiale, arriva dal Sun che scrive:

“Tutti hanno paura che 007 venga etichettato come troppo politicamente corretto

ma hanno anche capito che era arrivato il momento di mettere Bond in veicolo a zero emissioni”, citando una fonte anonima. Il prossimo film della saga - il numero 25, tratto dal romanzo apocrifo "Mai sognare di morire"  - ha per titolo provvisorio “Shatterhand” ed è diretto dallo statunitense Cary Fukunaga.

Le riprese inizieranno il prossimo mese e nel ruolo dell’agente segreto ci sarà ancora una volta Daniel Craig, probabilmente al volante della Aston Martin Rapide E che verrà lanciata a fine 2019, giusto in tempo per l’uscita del film.

Un lancio importante

La Rapid E è la prima Aston Martin completamente elettrica e sarà prodotta in una tiratura limitata di 155 esemplari nel 2019. Si tratta quindi di un debutto molto importante per la casa inglese e la saga cinematografica di 007 è in grado di offrire una visibilità mondiale strategica.

Aston Martin Rapide E

La base della nuova Aston Martin Rapid E, che si intravede solo in pochi bozzetti ufficiali, è la sportiva Rapide AMR. La potenza sarà di ben 610 cavalli, erogati da due motori al posteriore e accompagnati da 950 Nm di coppia, tutti disponibili (come su tutte le elettriche) fin da subito. Quindi nessun timore: le scene al volante saranno adrenaliniche come da copione 007.

Una vecchia coppia

Aston Martin compare al fianco di James Bond da moltissimi anni. Era il 1964 quando Sean Connery guidava una DB5 in Missione Goldfinger. Nella fortunata serie cinematografica le Aston Martin sono state protagoniste per ben 12 volte, sostituite in poche occasioni da Alfa Romeo, Maserati, Ferrari, Lotus... qui trovate tutte le auto al completo.

Fotogallery: Aston Martin RapidE, confermata l'elettrica per il 2019