La Casa tedesca si appresta a lanciare il servizio on demand anche in Europa, per guidare da un minimo di 60 minuti a un massimo di 12 mesi

Sbloccare lo smartphone, aprire l’app dedicata e prenotare la propria Audi preferita fra quelle disponibili. Per un’ora. Oppure per un anno. Fantascienza? No, realtà, anche se per ora solo in Germania, dopo una prima fase in cui questa possibilità era concessa esclusivamente nelle città di Pechino, Hong Kong, San Francisco e Monaco.

Si chiama “Audi on demand” ed è il nuovo servizio che la Casa dei Quattro Anelli offre ai propri (non) clienti in collaborazione con Sixt, azienda specializzata nel noleggio auto. Ecco tutti i dettagli.

Una flotta di 10.000 macchine

Il nuovo programma si inserisce nella strategia di Audi di allargare la mobilità premium su più larga scala; in futuro, l’obiettivo è quello di integrarla e metterla in sinergia con il resto del Gruppo Volkswagen.

Fotogallery: Nuova Audi Q3 2018

Quando sarà a pieno regime, Audi “on demand” interesserà i principali Paesi europei. Si parte, come detto, dalla Germania e, a seguire, arriveranno Francia, Italia, UK, Lussemburgo, Olanda, Svizzera e Austria. Gli automobilisti europei conteranno su una flotta di 10.000 veicoli.

Non solo breve termine

Bram Schot, capo del Board of Management di Audi AG, ha affermato: “Con Audi on demand vogliamo coprire tutte le esigenze di mobilità, dal brevissimo termine (60 minuti, ndr) al lungo (12 mesi).

Gli utenti potranno accedere al servizio mediante app dedicata e ritirare l’auto prescelta in hub predefiniti, la maggior parte dei quali posizionati nel centro delle città, vicino alle stazioni e agli aeroporti.