Renault Wind 1.6 Gordini, la "micro-targa"

Un po' coupé, un po' roadster, ma con una carrozzeria targa ed un hard top retrattile. Auto molto particolare la Renault Wind, specialmente nella versione "sport" Gordini 1.6 da 133 CV che abbiamo provato in tutte le condizioni: città, misto, autostrada. Il responso? Auto appariscente, per personalità eccentriche, ma anche molto divertente da guidare per i piedi più sportivi, a patto di non chiederle accelerazioni brucianti. Un altro coté che non ci aspettavamo è la praticità di quest'auto: pur dovendo rinunciare a due posti per i passeggeri, la Wind si usa bene anche in città e la capacità di carico non le manca. Il tutto per un prezzo di partenza pari a 20.000 euro tondi.

PREPARATEVI AL TERZO GRADO

Al volante di una Wind bisogna essere preparati a rispondere alle domande dei passanti, che arrivano inesorabili ad ogni semaforo, ad ogni bar in cui vi fermate: "Come va? Che motore ha? Quanto fa? Ma quanto costa?" Rispetto alla versione standard, la curiosità con la Gordini monta ancora di più, perché le doppie bande e gli inserti bianchi sulla carrozzeria "blu Malta" anche nel peggiore traffico cittadino sfavillano come un razzo di segnalazione nella notte di Capo Nord. Se il muso ha comunque una certa familiarità con la Twingo, è nel disegnare le fiancate e il posteriore che gli stilisti Renault si sono scatenati. A guardarla sembrerebbe una micro-coupé a motore posteriore centrale, per via delle "pinne" pronunciate e del cofano piatto, mentre quell'ala che unisce i gruppi otti...