McLaren 570 GT, cosa significa “per tutti i giorni”? [VIDEO]

Non c'è bisogno di essere appassionati per sapere che McLaren significa auto sportive. Anzi, di più: l'associazione che viene più naturale fare è con la Formula 1, con Ayrton Senna in particolare. Se si parla invece di stradali, non si può non pensare alla mitica F1 di Gordon Murray, quella con posto guida centrale e motore V12 aspirato BMW. Invece, da qualche anno ormai, McLaren è qualcosa di più. E' un marchio che ha deciso di diventare un costruttore vero, sempre di nicchia, ma con un'offerta più ampia.


Com'è


Innanzitutto, il nome: 570 sono i CV erogati dal motore V8 3.8 biturbo. GT significa invece granturismo. Quindi prestazioni sì, in abbondanza anche, ma sfruttabili ogni giorno. E da tutti. Come si fa a mettere insieme tutto ciò? Prima di tutto con un assetto ingentilito: le molle sono più morbide del 15% all'avantreno e del 10% al retrotreno. Poi si lavora anche sull'estetica: in McLaren hanno "limato" appendici e spoiler e il risultato è che la 570 GT appare meno cattiva, meno estrema. Anzi, a tratti ha pure l'aria di voler far "pesare" il suo status di supercar: prendete il lunotto incernierato lateralmente. Perfetto per caricare le sacche da golf, mentre i "comuni mortali" riempiono i loro bagagliai con i sacchetti della spesa. Diverso anche l'alettone posteriore, che qui si limita a uno spoiler poco più che accennato, senza eccessi racing. Tornando al lunotto, si tratta...