Se confermati, i 6'30" rendono l'italiana l'auto di derivazione stradale più veloce sulla Nordschleife

La Pagani Zonda Revolucion ha stabilito un nuovo record al Nurburgring per auto di derivazione stradale girando sulla Nordschleife in 6'30". La notizia non è ancora ufficiale, se si può parlare di ufficialità riguardo ai tempi sul "Ring", ma viene data per certa dalle pagine Facebook di Love Cars e Shmee150, solitamente ben informati al riguardo. Se confermato, l'incredibile tempo di 6 minuti e 30 secondi diventerebbe il nuovo riferimento velocistico per la pista tedesca che ormai viene utilizzata da piccoli e grandi costruttori per dimostrare la propria superiorità in fatto di potenza, assetto e prestazioni pure, avvicinandosi allo strepitoso primato assoluto di 6'11"13 di Stefan Bellof nel 1983 con la Porsche 956 da gara.


Ancora non è dato sapere come e quando la Zonda Revolucion ha staccato questo tempo incredibile, soprattutto sapendo che i limiti di velocità in alcuni tratti della pista imposti lo scorso giugno sono ancora in vigore. Nulla è trapelato neppure sul pilota che ha dimostrato una conoscenza non comune dell'inferno verde e una velocità di percorrenza da vero "manico". Per un rapido confronto basta vedere che Marc Basseng aveva girato in 6'47"50 con la non stradale Zonda R e che la stradale Porsche 918 Spyder di Marc Lieb si è fermata a 6'57". A rendere credibile il nuovo primato per auto di derivazione stradale, ma omologate solo per la pista, c'è invece il fatto che la Pagani Zonda Revolucion è una "bestia" con motore Mercedes-AMG V12 6.0 da 800 CV (50 CV in più della R) che pesa 1.070 kg, con un rapporto peso potenza di 1,33 kg/CV e un prezzo di 2,2 milioni di euro, tasse escluse.


E voi sapete quali sono le auto (di serie) più veloci del mondo? Si tratta molto spesso di hypercar prodotte in numeri limitatissimi, ma omologate per la strada... qui l'elenco completo.

Pagani Zonda Revolucion

Foto di: Fabio Gemelli