La partnership ha come obiettivo la diffusione, su larga scala, della guida autonoma di livello 5

Il gruppo Continental ha annunciato un accordo con Nvidia per la diffusione di un sistema di guida autonoma su larga scala. L’obiettivo è quello di portare, entro il 2021, gli attuali veicoli a guida autonoma di livello 2 (per intenderci, quelli dotati, per esempio, di frenata assistita) fino al livello 5, in cui l’auto guida in maniera completamente indipendente dal pilota, gestendo accelerazione, frenata e direzione.

Un unico team

Gli ingegneri Continental e Nvidia lavoreranno in un unico team: si vuole integrare l’esperienza maturata sul campo del colosso dei processori, che con il sistema Nvidia Drive Xavier ha già mosso importanti passi nel campo della guida autonoma, con l’esperienza di Continental nel campo dei sensori, dai radar alle telecamere. Secondo Elmar Degenhart, CEO di Continental, "Il veicolo del futuro sarà un computer per il rilevamento, la pianificazione e l'attuazione: la complessità della guida autonoma non richiede altro che la piena potenza computazionale di un supercomputer di intelligenza artificiale. Insieme alle prestazioni e flessibilità della soluzione di guida autonoma e alla comunicazione tra cloud e auto di Nvidia, raggiungeremo nuovi livelli di sicurezza, comfort e personalizzazione per i veicoli futuri"

Tutto sotto controllo

Tutto punta verso il cosiddetto "deep learning", la raccolta dei dati derivanti non solo dall’auto, ma anche dall’ambiente circostante attraverso sensori dedicati. All’inizio si cercherà di sviluppare le più avanzate funzioni di guida autonoma attuali (telecamere a 360° e sistemi ADAS di aiuti alla guida) integrandoli con mappe in alta definizione e sensori di controllo dei passeggeri, sulla stessa riga di quanto presentato da Honda al CES di Las Vegas.