In una crisi ci sono sempre vincitori e vinti. L'industria automobilistica sta affrontando una serie di sfide e minacce, mentre alcune delle principali economie del mondo potrebbero entrare in recessione nei prossimi mesi. In questo contesto, è interessante vedere come alcune aziende riescono a crescere e realizzare ottime performance anche in tempi difficili.

Genesis, il marchio premium di Hyundai, è uno di loro. È stato annunciato ufficialmente come brand indipendente alla fine del 2015 e ha lanciato il primo modello, la Genesis G90, nel 2017. Questa è stata fatta anni dopo che Hyundai aveva creato il sotto-marchio Genesis come "interpretazione progressiva della moderna berlina sportiva a trazione posteriore". E ne è valsa la pena.

Secondo i dati globali dello scorso anno, questo marchio ha venduto un po' più di 200.000 nuove auto. Il totale è stato del 58% superiore a quello che Genesis ha immatricolato nel 2020. Quell'anno, aveva già registrato un aumento del 55% rispetto al 2019, nonostante i problemi determinati dalla pandemia. Nel 2018, Genesis aveva venduto 77.000 unità.

foto-per-topic-motor1-numbers

Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

Genesis, la genesi del nuovo fenomeno premium

Una questione di coerenza nei lanci di prodotto

La ragione principale per la continua crescita delle vendite risiede nella coerenza nel lancio dei prodotti. Anche se le vetture inizialmente offerte dal marchio non erano modelli autonomi, Genesis ha iniziato a lavorare su un piano molto interessante che include diverse auto con la propria tecnologia e personalità. Dalla sua fondazione, Genesis ha presentato cinque nuovi modelli e due profondi restyling dei precedenti modelli Hyundai.
L'attuale schieramento comprende tre berline rivolte a tre diversi segmenti, una wagon per i mercati europei e tre SUV. Tutti posizionati allo stesso livello di marche come BMW o Mercedes.

Genesis, la genesi del nuovo fenomeno premium

Questo è il modo giusto di creare e posizionare un nuovo marchio di auto. Tuttavia, non è l'unico fattore di successo. Genesis ha lavorato anche su mercati chiave mentre gradualmente arrivava in altri. Per esempio, fin dalla sua creazione era chiaro che gli Stati Uniti sarebbero stati il punto di riferimento ideale. Senza questo mercato, è abbastanza complesso sopravvivere per qualsiasi marca premium. Poi ha avuto dalla sua parte il Paese d'origine, la Corea del Sud, nota per l'acquisto di grandi berline.

Genesis, la genesi del nuovo fenomeno premium

Dopo essersi assicurata questi due importanti mercati, Genesis ha iniziato a guardare all'estero. È entrata in Europa nel 2021 ed è appena arrivata in Cina. Oggi, senza gli ultimi due mercati, Genesis supera gli altri marchi premium tradizionali. Ed è prevedibile che salga ancora di quota con il lancio di ulteriori prodotti in altri segmenti e il decollo del marchio in Cina, il più grande mercato al mondo per le auto premium.

Un esempio per altri marchi premium tradizionali

Questo caso di successo, almeno fino ad ora, dovrebbe diventare un esempio per altri brand premium che hanno lottato per guadagnare terreno. È noto che competere contro BMW, Audi o Mercedes non è un compito semplice. Ma non impossibile. Tesla, Volvo e Lexus possono dire come afferrare una discreta parte di questo mercato vantaggioso.

Il modo in cui Genesis sta sviluppando la sua strategia sembra configurare un altro approccio vincente per guadagnare quote. Marchi come Jaguar, Infiniti e Alfa Romeo dovrebbero prendere appunti.

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.