Kia Niro Plug-In Hybrid, la crossover ancora più eco-friendly

Crossover ibrido: due paroline magiche che, se unite, fanno la felicità delle Case, visto che il mercato le chiede a gran voce. Se a tutto ciò si unisce la parola plug-in, e cioè l'ibrido ricaricabile, ecco che nascono vetture come la Kia Niro Plug-In Hybrid, che unisce il bello del crossover all'appeal ecologico (e risparmioso) delle ibride. La novità principale? Semplice, la possibilità di attaccare la spina ed aumentare, così, l'autonomia in modalità elettrica, che ora può raggiungere i 58 km.


Com'è


Rispetto all'immagine “tradizionalista” e seriosa della Kia Niro, la Plug-In Hybrid aggiunge qualche tocco eco-friendly nel look: i più attenti avranno già riconosciuto le lame azzurre che sottolineano i fendinebbia, i cerchi (da 16” e gommati con pneumatici Michelin a bassa resistenza di rotolamento) e le bande laterali cromate. E poi, certo, lo sportello che cela la presa elettrica, in zona passaruota anteriore sinistro. Dettagli che, in ogni caso, non riescono a farla diventare “troppo” ibrida. Nessuna novità nelle dimensioni, che rimangono sempre le stesse – la lunghezza è di 4,36 metri – ma, a causa del pacco batterie più generoso e prestante (8,9 kWh), il bagagliaio perde un centinaio di litri rispetto alla Niro Hybrid, fermandosi a quota 324. In abitacolo compaiono rivestimenti in pelle nera o nero-grigio con cuciture blu, cornici blu ...