Finora sono state poche le auto sul mercato a offrire - con la stessa carrozzeria - una versione ibrida di tipo full hybrid, una ibrida plug-in e una 100% elettrica. Una di queste auto "multi-energia" è la Kia Niro, che ora si rinnova completamente adottando una nuova piattaforma telaistica e cambiando in maniera netta il linguaggio stilistico.

Ho avuto la possibilità di guidare in anteprima uno dei primi prototipi sulle strade attorno a Rapallo, in Liguria, sia con la motorizzazione full hybrid che con quella completamente elettrica, anche se per meno tempo.

Clicca per leggere: 

Esterni Interni Guida Curiosità Prezzi 

Esterni

La nuova Kia Niro (2022) nasce sulla piattaforma chiamata "K" (arrivata alla terza generazione), che sostituisce la piattaforma J della precedente Niro e che è condivisa anche con la cugina Hyundai i30. Su questa base telaistica, sono cambiate le dimensioni della carrozzeria. Per la versione full hybrid della nuova Niro parliamo di: lunghezza 442 cm (6 cm in più del modello precedente); larghezza 182 cm (+2 cm), altezza 155 cm (+1 cm), passo 272 cm (+ 2 cm).

Prova della Kia Niro 2020 HEV ibrida full hybrid - Foto
Prova della Kia Niro 2020 HEV ibrida full hybrid - Foto

La nuova architettura costruttiva ha permesso anche di alloggiare la batteria agli ioni di litio da 1,32 kWh di capacità sotto il divano posteriore, liberando così spazio nel bagagliaio, che ora parte da una capacità minima di 451 litri. Offrendo allo stesso tempo una buona libertà di movimento per i passeggeri seduti dietro, grazie anche alla lunghezza del passo.

Il tutto con un design esterno completamente rivisto se paragonato alla Niro che conosciamo. Davanti, la mascherina Kia è più sottile, i fari hanno luci a LED con un andamento simile a un elettrocardiogramma. Nella vista laterale spicca il montante posteriore, che si può avere anche in un colore a contrasto con il resto della verniciatura (e con una funzione aerodinamica spiegata meglio nel video, che contribuisce a un Cx di penetrazione pari a 0,29), mentre i fascioni paracolpi nella parte bassa delle portiere sono sempre a contrasto. I fanali posteriori sono verticali e hanno una forma a boomerang.

Interni

L'impostazione dell'abitacolo eredita l'architettura generale introdotta sulla Kia EV6 e in seguito adottata anche sulla nuova Kia Sportage. Dietro al nuovo volante a due razze, con il tasto per la selezione dei programmi di guida, c'è un unico schermo che racchiude i due display da 10,25" della strumentazione digitale e del sistema di infotainment (l'head-up display proietta invece immagini da 10 pollici). Che è un touchscreen, ma si può controllare anche da un'altra superficie touch, che si trova in mezzo alla plancia e che offre anche la possibilità di comandare il climatizzatore.

Prova della Kia Niro 2020 HEV ibrida full hybrid - Foto

Tra le novità degli interni ci sono poi delle soluzioni pensate per la migliorare la sostenibilità. I sedili, ad esempio, sono rivestiti con materiali ricavati dalle foglie di eucalipto; la parte superiore dell’abitaccolo - che si chiama cielo o imperiale - è fatta con un tessuto ricavato dalla carta da parati riciclata; per i pannelli porta sono state usate vernici che non contengono sostanze inquinanti.

Guida

La Kia Niro HEV è una ibrida full hybrid con un motore a iniezione diretta di benzina 4 cilindri 1.6 aspirato da 105 CV e 147 Nm, affiancato da un motore elettrico a magneti permanenti da 44 CV e 170 Nm. La potenza complessiva del sistema è di 141 CV, per un tempo di 10,4 s nell'accelerazione 0-100 km/h e 165 km/h di velocità massima. 

Con l'adozione della nuova piattaforma sono cambiate le regolazioni delle sospensioni anteriori McPherson e posteriori multi-link, così come anche la calibrazione dello sterzo è stata rivista (sia nel rapporto di demoltiplicazione che nella servoassistenza). Il risultato è che la Niro è più piacevole da guidare rispetto al modello che sostituisce, le risposte sono meno filtrate e più omogenee, con inserimenti in curva che restano lenti solo quando si alza ulteriormente il ritmo. 

Prova della Kia Niro 2020 HEV ibrida full hybrid - Foto
Prova della Kia Niro 2020 HEV ibrida full hybrid - Foto

Più reattivo potrebbe essere anche il cambio a doppia frizione a 6 marce, che comunque è stato migliorato nella taratura ed è più leggero di un paio di kg, perché ora la retromarcia è affidata al motore elettrico. Di buon livello, poi, è il comfort delle sospensioni, così come si è lavorato in generale sull'isolamento dell'abitacolo, con l'utilizzo di nuovi materiali fonoassorbenti. 

Su cui, in ogni caso, non posso dare un giudizio perché in questo primo test drive non ho guidato in autostrada, dove si può fare affidamento anche su gran parte degli assistenti alla guida ADAS di cui è dotata la nuova Niro. Come, ad esempio: Forward Collision-Avoidance Assist (FCA), Junction Turning function, Intelligent Speed Limit Assist (ISLA), Lane Keeping Assist (LKA), Lane Following Assist (LFA), Highway Driving Assist (HDA), Driver Attention Warning (DAW), High Beam Assist (HBA), Smart Cruise Control-Curve (NSCC-C) basato sul navigatore, Blind-Spot Collision-Avoidance Assist (BCA), Rear View Monitor (RVM), Rear Cross-Traffic Collision-Avoidance Assist (RCCA).

I consumi di questa prima prova li potete trovare nel video.

Curiosità

Gli interventi di miglioramento hanno riguardato anche i freni, con una risposta del pedale senza spugnosità fastidiose legate alla rigenerazione di energia elettrica, che può contare anche su una nuova funzione. Si tratta del sistema intelligent Green Zone Drive Mode, che in automatico - tramite la cartografia GPS - può rilevare le zone a traffico limitato ZTL dei centri urbani per spegnere il motore termico, e far muovere la Niro solo in elettrico.

Altra caratteristica della nuova piattaforma: il bagagliaio parte da un valore minimo superiore sulla versione elettrica, che ha la batteria montata al centro della scocca, sotto l'abitacolo: la capacità di carico della Niro EV è di 475 litri (+20 litri sotto il cofano anteriore) contro i 451 litri della Niro HEV e i 348 litri della Niro PHEV.

Prova della Kia Niro 2020 HEV ibrida full hybrid - Foto

Prezzi

Il listino prezzi della Kia Niro HEV 2022 ibrida full hybrid parte da 30.500 euro in allestimento Business, da 32.500 euro in allestimento Style e da 34.500 euro in allestimento Evolution. La Kia Niro PHEV 2022 costa invece almeno 40.250 euro in allestimento Style e 42.250 euro in allestimento Evolution. Infine, la Kia Niro EV 2022 parte da 42.700 euro in allestimento Business e da 47.500 euro in allestimento Evolution.

Prova della Kia Niro 2020 HEV ibrida full hybrid - Foto

Kia Niro 2022, la tabella prezzi

Motorizzazione Business Style Evolution
Kia Niro HEV 2022 30.500 euro 32.500 euro 34.500 euro
Kia Niro PHEV 2022 40.250 euro 42.250 euro
Kia Niro EV 2022 42.700 euro - 47.500 euro

Fotogallery: Foto - prova della Kia Niro 2022 HEV ibrida full hybrid

Kia Niro HEV 1.6 141 CV

Lunghezza 442 cm
Larghezza 182 cm
Altezza 155 cm
Capacità di carico 451 L
Motore 4 cilindri 1.6 benzina 105 CV 147 Nm
Potenza 141 CV
Motor elettrico magneti permanenti 44 CV 205 Nm
Batteria 1,32 kWh
Trasmissione automatico doppia-frizione 6 marce
Trazione trazione anteriore
Accelerazione 0-100 km/h 10,4 s
Velocità Massima 165 km/h
Consumi 4,7 L/100 km WLTP combinato
Emissioni 107 g/km CO2 WLTP combinato