Tesla Model 3, va forte... Anche in curva

L'abbiamo provata. Finalmente, verrebbe da dire, dopo i ritardi che si sono accumulati negli ultimi 20 mesi, da quando cioè Elon Musk ha presentato la Tesla Model 3  di fronte a una platea selezionata e iper eccitata; e da quando i primi fedelissimi hanno versato 1.000 euro di anticipo per aggiudicarsi la vettura prima di tutti gli altri. Si tratta di un modello cruciale per il marchio, dal momento che è il primo progettato per il grande pubblico.


Com'è


Prima di ogni cosa, è giusto sottolineare che Tesla, forse, sta risolvendo i problemi legati all'industrializzazione della vettura: il fatto che alcuni esemplari siano già stati consegnati ai clienti e che altri siano stati messi a disposizione della stampa lo dimostra. C'è poi un altro dubbio che circola in rete: l'imprecisione dell'assemblaggio. Dal vivo, la Model 3 non lo fuga, non del tutto almeno, perché i pannelli della carrozzeria non sono montati con precisione assoluta, anzi. In ogni caso, si tratta di “leggerezze” accettabili e alle quali probabilmente non si fa nemmeno caso, se non si va a curiosare nei forum specifici. Una volta dentro, si rimane subito colpiti dalla generosità di spazio per chi siede dietro, propiziata senza dubbio dall'assenza del tetto in lamiera, sostituito da un vetro a tutta larghezza e lunghezza. Lo spazio abbonda anche per le valigie: il bagagliaio posteriore è davvero ampio, più di quello che mi sarei aspe...