BMW Z4 restyling: le novità più importanti sono sotto il cofano

Primavera-estate 2013: una delle novità stagionali è la Z4 restyling, che in gergo "BMW-ista" viene definita LCI, ovvero Life Cicle Impulse. Tradotto: si tratta di una vera e propria sferzata che giunge a metà vita produttiva del modello e destinata a rinvigorirne le vendite. A proposito di vendite, la scoperta bavarese è stata consegnata a 4.000 clienti italiani dal 2009, anno del debutto: numeri che BMW Italia ritiene soddisfacenti in relazione alla sfortunata congiuntura economica e al fatto che le motorizzazioni siano solo a benzina (a differenza per esempio dell'Audi TT e della Mercedes SLK, disponibili anche con motori a gasolio).

TRUCCO LEGGERO

Trova le differenze: distinguere la vecchia Z4 dalla nuova è un "gioco" da intenditori del Marchio. Anzi, del modello, visto che esteticamente gli aggiornamenti sono minimi e si limitano alle nuove tinte di carrozzeria: Mineralgrau metallizzato, Glaciersilber metallizzato e Valencia Orange metallizzato, disponibili solo con il pacchetto Design Pure Traction, che dà una bella iniezione di vivacità agli interni della roadster. Nello specifico, l'ambiente si caratterizza per il contrasto tra il nero dei sedili in pelle e l'arancione Valencia delle cuciture, dei pannelli delle porte realizzati in Alcantara e della porzione inferiore della plancia. Interventi leggerissimi, dunque, di cui in BMW vanno fieri: non a torto, sostengono che scontentare i proprietari dei modelli pre-restyling intervenendo pesantemente sull'estetica crei disaf...