Cresce nelle dimensioni e nella tecnologia, senza dimenticare l’anima offroad

Prima è toccato alla Tiguan rifarsi completamente look e tecnologia e a lei è seguita la T-Roc, tutta nuova con misure compatte. Ora ecco arrivare, al Salone di Pechino, la nuova Volkswagen Touareg a completare il rinnovamento della famiglia SUV di Wolfsburg, con misure leggermente cresciute, uno stile rinfrescato e una pesante infornata di tecnologia. Una terza generazione che arriva a 16 anni dal lancio della Touareg prima serie e che (stando a quanto dichiarato dalla Casa) non dimentica la vocazione offroad che l’ha portata (nella versione Race) a vincere 3 edizioni della Dakar.

Tutto parte dal frontale

Basata sulla solita piattaforma MLBevo, la stessa di Audi Q7, Bentley Bentayga, Lamborghini Urus e Porsche Cayenne, la nuova Volkswagen Touareg cresce in lunghezza (4.878 mm, +77 mm), larghezza (1.984 mm, +44 mm) mentre diminuisce leggermente in altezza (1.702 mm, -7 mm). Che si tratti di una creatura VW balza immediatamente all’occhio, merito della classica mascherina a sviluppo orizzontale molto simile a quella della Arteon, con listelli cromati che corrono da un gruppo ottico all’altro. Un frontale massiccio dal quale partono numerose linee che attraversano cofano e fiancate per andare a raccordarsi con le luci posteriori, naturalmente a LED, incastonate in un lato più con andamento più dolce e sinuoso rispetto al frontale. Il tutto poggia su cerchi in lega con misure variabili da un minimo di 18 a un massimo di 21”.

A tutto schermo

Se anche la piccola di casa ormai può sostituire alla classica strumentazione analogica un monitor 100%, pensate che il più grande dei SUV di Wolfsburg possa essere da meno? Davanti al guidatore fa la sua comparsa un monitor da 12” capace di restituire numerosissime informazioni. La parte del leone la fa però l’immenso monitor touch (e curvo) da 15” al centro della plancia e in posizione rialzata. Da qui si gestisce il rinnovato sistema di infotainment (compatibile con MirrorLink, Apple CarPlay e Android Auto), con la possibilità di “cucirselo addosso” grazie ai menù configurabili a piacere. Al di sotto non ci sono le classiche manopole del clima: tutto infatti si gestisce tramite monitor touch. Gli unici comandi fisici si trovano sul tunnel centrale e sono relativi ad accensione e spegnimento, regolazione volume, cambio automatico, selezione delle modalità di marcia e altezza da terra. Non mancano poi prese USB (4, 2 anteriori e 2 posteriori), hotspot per collegare fino a un massimo di 8 device contemporaneamente, head-up display, navigatore online con mappe 3D, radio DAB e internet e impianto audio Dynaudio da 730 Watt con 14 altoparlanti.

Il salotto su misura

Alla tecnologia fa eco un’eleganza che mostra come la nuova Volkswagen Touareg voglia puntare al top del segmento, con assemblaggi ineccepibili e un’inedita (per il modello) possibilità di personalizzazione. Si può scegliere infatti tra diversi tipi di materiali come tessuti, pelle e legnami per arredare l’abitacolo del SUV tedesco. Si possono poi avere l’illuminazione LED con 30 differenti tonalità, i sedili anteriori massaggianti, Abitacolo spazioso con il divanetto posteriore che, nonostante un disegno non regolarissimo, non richiede particolari sacrifici a chi viaggia in mezzo. Dietro c’è tanto spazio in più per i bagagli rispetto alla generazione precedente: si passa da 697 a 810 litri.

Sempre più sicuro

Trattandosi si un modello del 2018 la nuova Volkswagen Touareg non può fare a meno di numerosi sistemi di assistenza alla guida come (giusto per citarne alcuni) frenata d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, Lane Assist, cruise control adattivo, park assist e assistenza nella guida in colonna, ovvero una guida parzialmente autonoma fino a un massimo di 60 km/h. Dotata di un gancio traino con portata massima di 3,5 tonnellate poi la nuova Touareg monta anche il Trailer Assist, ovvero un sistema che aiuta durante le manovre con rimorchio al seguito. Debutta poi su un modello di Wolfsburg il Nightvision, sistema che grazie a una telecamera termografica è in grado di rilevare la presenza di essere umani al buio, segnalandone così la presenza al guidatore tramite visualizzazione sul monitor da 12”. Una tecnologia che funziona grazie anche alle nuove luci IQ Light a matrici di LED (128 per proiettore), un optional che offre un fascio luminoso più chiaro e ampio rispetto ai normali proiettori LED.

Grande piacere di guida

Dimensioni generose ma, assicurano in Volkswagen, tanto piacere di guida grazie anche all’asse posteriore sterzante (optional), alle barre antirollio elettromeccaniche e alle sospensioni pneumatiche. Sospensioni che permettono di variare i 7 cm l’altezza da terra della nuova Touareg così da affrontare anche tratti sterrati. Anche se difficilmente chi acquisterà il grosso SUV tedesco si avventurerà in strade che non siano asfaltate. Tant’è che comunque tra le differenti modalità di guida c’è quella denominata “offroad”, assieme alle classiche Eco, Comfort, Normal e Sport.  

I motori

Al lancio, previsto per fine estate 2018, la nuova VW Touareg sarà disponibile con 2 motori V6 TDI da 231 e 286 CV con rispettivamente 500 e 600 Nm di coppia, seguiti poi da un V6 TSI da 340 CV e 450 Nm di coppia. Tutti saranno abbinati di serie alla trazione integrale 4Motion e al cambio automatico 8 rapporti firmato ZF. Successivamente dovrebbe arrivare anche un V8 TDI (l’ultimo grande diesel di Volkswagen) da più di 400 CV e la versione plug-in hybrid con motore endotermico benzina 4 o 6 cilindri.

Nuova Volkswagen Touareg