Il nuovo scarico e la centralina regalano al motore 80 CV in più. Cambia anche l'assetto, più sportivo

Il preparatore milanese Romeo Ferraris ha deciso recentemente di legarsi ancora di più ai "colori" dell'Alfa Romeo, ingaggiando per il campionato TCR due leggende dell'automobilismo sportivo italiano come Fabrizio Giovanardi e Gianni Morbidelli. Le sorprese però non sono finiti qui, visto che Romeo Ferraris ha annunciato le novità del pacchetto di elaborazione messo a punto per la Giulia Quadrifoglio, la berlina sportiva da 510 CV che riceve una serie di migliorie per il V6 2.9, l'assetto e lo stile.

Va più forte e romba meglio

I tecnici hanno lavorato sulla centralina che controlla motore e sull'impianto di scarico, riuscendo a ottenere 88 CV e 140 Nm di coppia in più rispetto al motore di partenza. La Giulia Quadrifoglio by Romeo Ferraris arriva così a sviluppare 590 CV e 740 Nm. Romeo Ferraris parla di un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi (-0,4 secondi rispetto alla normale Quadrifoglio) e di una velocità massima pari a 317 km/h (+10 km/h). Il preparatore ha installato sulla berlina molle e ammortizzatori regolabili, quindi è possibile cambiare le risposte dell'auto in funzione della strada.

Con i distanziali è più stabile

Le modifiche per l'assetto riguardano anche le ruote (sono firmate OZ e misurano 20") e le carreggiate, maggiorate di 1,5 cm e 3,5 cm per aumentare la stabilità. Il pacchetto di elaborazione è completato dagli scarichi in fibra di carbonio, lo stesso materiale utilizzato anche per il labbro anteriore, i gusci degli specchietti e le maniglie. La fibra di carbonio si ritrova pure all'interno, dove è stata utilizzata di colore rosso sul volante, la console centrale e le portiere.

Gallery: Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio by Romeo Ferraris