A gennaio le vendite scendono del 4,6% rispetto a 12 mesi fa

Sembra che la luce in fondo al tunnel per le immatricolazioni auto sia comunque sempre più lontana, non solo in Italia – dove il 2019 è iniziato con un -7,5% rispetto all’anno precedente – ma anche in Europa. Come fotografato dai dati pubblicati dall’ACEA infatti il 2019 è iniziato male con una contrazione delle vendite pari al -4,6% rispetto a 12 mesi fa. Il Vecchio continente registra così il quinto mese di fila col segno “-“ davanti, nonostante le 1.226.446 vetture immatricolate lo scorso mese rappresentino il secondo miglior gennaio dal 2009 a oggi.

Un segno negativo dovuto anche ai cali dei 5 principali mercati europei: Spagna -8%, Italia -7,5%, Inghilterra -1,6%, Germania -1,4% e Francia -1,1%, con solo 7 paesi su 27 con il segno “+” davanti.

Tanti segni meno

Analizzando le vendite dei singoli marchi, il Gruppo VW rimane primo in Europa con 288.266 unità immatricolate, -6,5% rispetto alle 308.396 di gennaio 2018. Il colosso tedesco vede molti segni meno, con Porsche che fa peggio di tutti con un -49,7%, seguita da Audi con -17,3. Di contro Seat cresce del 7,6% rispetto a 12 mesi fa e il terzetto Bentley, Bugatti e Lamborghini fa segnare un +21,7%.

Al secondo posto il Gruppo PSA con 204.199 auto vendute (-1,9%). Peugeot e Opel calano rispettivamente del 2,1 e 5,8% mentre Citroen e DS crescono: +3,3% la prima e +13,7% la seconda. Al terzo posto per vendite c’è il Gruppo Renault con 115.794 immatricolazioni e uno 0,7 in meno rispetto allo scorso anno. La capofila cala del 7,8% mentre Dacia schizza a +12,4 e Lada a +0,8%. Sale di poco invece il Gruppo Hyundai, +0,3%, con il brand capofila che cala dell’1,4% mentre Kia sale del 2,4%. Si torna a scendere con Ford: -6,5%.

FCA inizia male

-14,9% con 77.222 unità vendute a gennaio 2019. Ecco la performance del Gruppo FCA, dove solo Lancia/Chrysler salgono (e di molto) con un +54,9% mentre tutti gli altri fanno più o meno male. Fiat perde il 19,6% mentre Jeep riesce a contenere il calo con “appena” l’1,9 in meno rispetto a 12 mesi fa. Molto male Alfa Romeo con -36,1% e ancora peggio la coppia Dodge/Maserati: -45,6%.

Scendono anche i gruppi Daimler (-1,3%), BMW (-2,7%), Toyota (-5,4%), Nissan (-26,1%), Mazda (-4,2%), Jaguar Land Rover (-5,7%) e Honda (-14%). A iniziare l’anno con il segno + ci sono, oltre a Hyundai, unicamente Volvo con +21,6% e Mitsubishi con +2,7%.