Chi rottama un'auto fino alla classe Euro 3 compresa, riceverà 1.500 euro da spendere in bici o abbonamenti ai mezzi pubblici

La Camera ha concesso il via libera al decreto Cima, l’insieme di provvedimenti voluti dal ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, con lo scopo di arginare il cambiamento climatico: fra questi ci sono misure per la riforestazione delle città, la nomina di un commissario unico per gli interventi sulle discariche abusive e misure per la riduzione degli imballaggi.

La novità più attesa dai pendolari è la conferma del Bonus Clima, ovvero quegli incentivi per la rottamazione di vecchie auto che prevede stanziamenti a favore dell'acquisto di biciclette o del trasporto pubblico. Il decreto clima dovrebbe diventare legge l’11 dicembre, quando ne sapremo di più sui dettagli ancora mancanti.

Anche 500 euro per lo scooter rottamato

L’incentivo vale 1.500 euro, a fronte della rottamazione di un’auto fino alla classe anti-inquinamento Euro 3. Per l’occasione il Governo ha istituito un fondo di 255 milioni di euro, nel quale rientrano anche gli incentivi per chi rottama moto e motorini fino alle classi Euro 2 o Euro 3 a due tempi (500 euro per ogni moto o motorino rottamato). Al momento non sono state ancora definite le modalità per l'ottenimento e l'erogazione degli incentivi.

Attenzione, però: il bonus non diventa uno sconto per l'acquisto di una nuova auto, a differenza dell'Ecobonus, ma dà diritto ad agevolazioni per abbonamenti al trasporto pubblico locale, ticket per servizi di trasporto condiviso o biciclette, anche a pedalata assistita. 

In Italia è vecchia un'auto su tre

Il bonus è riservato a chi rottama un’auto fino alla classe anti-inquinamento Euro 3 compresa, vale a dire quelle vendute prima del 31 dicembre 2005, più inquinanti e assai meno sicure se paragonate con quelle più recenti.

Le auto con almeno 14 anni di età sono una larga fetta di quelle presenti in Italia: secondo i calcoli dell’Unrae, riferiti al 31 dicembre 2018, il 32,9% delle 37.760.000 vetture registrate nel nostro Paese non arrivava all’Euro 4.