La Casa ceca integra nel proprio sistema di navigazione (e nella app) i dati forniti da Parkopedia

Traffico a parte, qual è la parte più noiosa di un viaggio? Sicuramente l’arrivo e la relativa – a volte infinita – ricerca di parcheggio. Un problema risolto, come spesso avviene, dalla tecnologia e da una app in particolare: Parkopedia.

Uno strumento che entra ora a far parte della dotazione dell’infotainment della gamma Skoda, dalla Kamiq alla Superb, per avere sempre informazioni precise e aggiornate sui parcheggi disponibili nei pressi della nostra meta.

Come funziona

I dati di Parkopedia fornirà i dati alle mappe dei navigatori dei modelli della Casa boema, con le posizioni di vari parcheggi dislocati in tutta Europa. Informazioni disponibili anche sulla app Skoda Connect, scaricabile gratuitamente su Google Play Store ed App Store.

Il sistema è in grado non solo di mostrare la posizione dei parcheggi, ma indica anche le tariffe orarie e l’effettiva disponibilità di posti auto, così da non navigare alla cieca ma viaggiare sicuri di trovare posto. Parkopedia permette infatti, agli utenti registrati, anche di prenotare il posto all’interno dell’autorimessa scelta.

La connettività sempre più importante

“Stiamo continuamente migliorando e ampliando i servizi di connettività delle nostre auto con l’obiettivo di renderne l’utilizzo ancora più semplice e immediato” ha commentato Jan Havlas, coordinatore dei progetti Connected Car di Skoda.

E in effetti ormai le auto connesse sono una realtà, con le sim integrate in grado non solo di fare da hotspot per i device degli occupanti, ma di fornire nuove funzionalità, come ad esempio gli aggiornamenti OTA (Over The Air), per scaricare aggiornamenti e nuove app direttamente dall’auto o, come nel caso di Parkopedia, ricevere varie informazioni in tempo reale.