Il videogioco entra letteralmente in casa ed ogni luogo può diventare una pista

Dalla sua nascita nel 1992, la saga di Mario Kart ha riscosso un grande successo nel mondo dei videogiochi, per la sua particolare natura da "competizione agguerrita ma divertente". Di rivoluzioni tecnologiche ne sono arrivate da allora, a partire dalle tre dimensioni di Mario Kart 64 del 1996, fino ai controlli di movimento interattivi - con il volante - di Mario Kart Wii del 2008.

E ora, è arrivato il momento di un'altra rivoluzione per la saga, stavolta su Nintendo Switch: la realtà virtuale. Sì, perché questo è il principio fondante del nuovo capitolo della serie, in cui ogni stanza (e non solo) in cui ci si trova può trasformarsi in circuito. Lo stesso nome conferma questa modalità di gioco: Mario Kart Live Home Circuit.

Come funziona

Il software del gioco, disponibile in esclusiva su Switch e Switch Lite, è scaricabile gratuitamente dallo store online di Nintendo. Serve, però, del "materiale speciale" per giocare: una riproduzione del kart di Mario o di Luigi, e quattro blocchetti che fanno da checkpoint (anche detti "gates", ovvero "cancelli") per il circuito.

Il kart in questione è dotato di telecamera, si abbina alla console tramite codice QR e fa da visuale "on-board" durante la guida. A questo punto, si possono posare i quattro checkpoint a proprio piacimento (possibilmente a più di tre metri di distanza fra uno e l'altro), per poi registrare un tracciato da seguire che passi attraverso questi cancelli finendo nello stesso punto d'inizio.

Il software trasformerà quindi automaticamente il percorso registrato (con tanto di curve particolari, non solo in linea retta fra un cancello e l'altro) in un circuito vero e proprio senza sponde, fisicamente aggiungibili dal giocatore se lo desidera. A questo punto, tutto è pronto per partire.

Modalità di gioco

Le modalità di gioco sono sostanzialmente due, classiche della saga di Mario Kart: Gara Personalizzata e Gran Premio. Ciascuna di queste si divide in quattro categorie di crescenti difficoltà e potenza del kart - personalizzabile esteticamente ma non nelle performance - tradizionalmente chiamate 50cc, 100cc, 150cc e 200cc (queste ultime due sbloccabili man mano che si va avanti nel gioco).

Fotogallery: Mario Kart Live Home Circuit

Nella modalità Personalizzata (dov'è disponibile anche la Prova a Tempo, tra l'altro) è il giocatore a scegliere ogni cosa sul tracciato, non solo la sua forma. Per intenderci, chi ha già giocato a Mario Kart sa che qua e là nel percorso ci sono solitamente file di casse oggetti, e queste si possono trovare sotto i checkpoint in questo capitolo della saga.

Oppure, il giocatore può scegliere di modificare questo dettaglio e rimuovere le casse, metterle solo da un lato oppure farle scorrere. Oppure ancora, può optare per rimuovere le casse e mettere direttamente funghi, o una pianta Piranha che rallenta il giocatore per qualche istante e altro ancora. Tutto a preferenza di chi gioca.

Nella modalità Gran Premio - quella con le coppe, per intenderci - rimane la possibilità di disegnare il proprio tracciato, ma passa a Nintendo la scelta delle condizioni ambientali e di oggettistica. Ad esempio, in certi casi, potrebbe trattarsi di una pista sotto la pioggia - e quindi disseminata di funghi qua e là - oppure di checkpoint con linee di fuoco che rallentano chi le colpisce.

Mario Kart Live Home Circuit
Mario Kart Live Home Circuit

Esiste, poi, anche una modalità chiamata Specchio in cui tutti i tracciati del Gran Premio sono speculari, con tutte le curve a destra che diventano a sinistra e viceversa. I rivali in gara non sono i soliti personaggi di Super Mario Bros, ma Koopa Troopa che "invadono" il nostro salotto.

C'è anche la modalità multigiocatore, immancabile per la saga di Mario Kart dato che da sempre è forse una delle parti più divertenti del gameplay. Possono partecipare fino a 4 giocatori in simultanea, di cui uno sarà host della partita, e ciascuno dev'essere dotato di una propria console Switch e un kart di Mario o Luigi.

CI_NSwitchDS_MarioKartLiveHomeCircuit_14

Il kart che collega la realtà al videogioco

Praticamente tutto quello che succede nel gioco, succede anche al modellino del kart nella realtà. E non solo si muove lungo il tracciato "invisibile" che è stato disegnato poco prima, ma subisce anche tutti i "colpi" che si vedono sullo schermo.

Mi spiego meglio, nel gioco si prende un fungo di accelerazione? Anche nella realtà il kart aumenta la sua velocità. Si viene colpiti da un guscio blu? Il kart reale si ferma per il lasso di tempo in cui il giocatore è stordito.

Addirittura, le condizioni del tracciato si riflettono sul veicolo: durante le tempeste di sabbia, ad esempio, nel gioco si viene spinti verso un lato, e anche nella realtà il kart sembra come "trainato" - in modo sorprendentemente realistico - da un lato.

Mario Kart Live Home Circuit

In poche parole, uno spettatore esterno che non vede lo schermo può comunque capire bene se state andando a tutta birra senza intoppi, o se verrete colpiti da qualcuno o qualcosa.

Altra chicca, c'è differenza anche nelle prestazioni del kart reale quando si va in modalità 50cc, la più "debole", rispetto a quando si va in 200cc, la più veloce. Niente paura però: non ci sono differenze fra il kart di Mario e quello di Luigi, sono assolutamente identici eccezion fatta per personaggio e livrea.

Stando ai dati riportati da Nintendo, il modellino del kart elettrico ha un'autonomia di circa 90 minuti di gioco continuo quando si corre a 150cc - ma ricordiamo che tutto dipende da come si gioca - e il tempo di ricarica è di circa 3,5 ore.

Per la Nintendo Switch standard (non Lite) rimane la possibilità di fruire del gioco anche attraverso la televisione, ma Nintendo consiglia comunque di mantenere una distanza massima fra console e kart mediamente di circa cinque metri l'uno dall'altro (anche qui, però, dipende dalla conformazione della stanza ed eventuali ostacoli sul percorso).

L'arrivo sul mercato

Il debutto del gioco nei negozi e nello store ufficiale (dove, come già detto, il software in sé è gratuito e va comprato solo il set kart+checkpoint con cavetto di ricarica incluso) è previsto per venerdì 16 ottobre.