Si tratta di foto rubate che mostrano le nuove protezioni in plastica e un look orientato al mondo dell’offroad

In teoria la Ford EcoSport Active non avremmo dovuto vederla prima del 6 novembre, data fissata per il suo debutto online. Sappiamo però bene come funzionano queste cose e così ecco arrivare sul web le prime foto del piccolo SUV dell’Ovale Blu in una inedita versione con look da offroad.

Scatti rubati pubblicati dal sito spagnolo Autonoción, grazie ai quali possiamo analizzare tutte le novità estetiche della EcoSport incattivita.

Si protegge

La prima regola di ogni auto che voglia avere anche solo un minimo di velleità fuoristradistiche è quella di dotarsi di protezioni per la carrozzeria, e la Ford EcoSport Active risponde con spessi profili in plastica nera per passaruota, parte inferiore delle portiere e paraurti.ù

2021 Ford EcoSport Active
Ford EcoSport Active

C’è poi l’assetto, debitamente rialzato per passare senza particolari stress su terreni accidentati, ma senza esagerare per quanto riguarda i centimetri in più rispetto alla EcoSport normale, e skid plate anteriore e posteriore. Altri dettagli riguardano speciali cerchi in lega, vetri posteriori oscurati e carrozzeria bicolore. All’interno non sembrano esserci novità, al di là del logo “A” sugli schienali dei sedili anteriori.

Solo anteriore

Secondo Autonoción la Ford EcoSport Active sarà disponibile unicamente col motore 1.0 EcoBoost turbo benzina da 125 CV, unito esclusivamente alla trazione anteriore e al cambio manuale a 6 marce.

La dotazione di serie dovrebbe includere luci ad attivazione automatica, cruise control, riconoscimento dei segnali stradali, climatizzatore automatico, sedili in pelle e infotainment da 8” compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. Il prezzo, relativo al mercato spagnolo, sarà di 24.100 euro.

Considerando che i listini spagnolo e italiano della EcoSport sono molto simili, è probabile che in Italia il prezzo non si discosterà di molto da quello praticato in Spagna.

Fotogallery: Ford EcoSport Active, le foto rubate