L’incendio di un’auto produce spesso conseguenze gravi. Per estinguerlo serve tanto tempo, acqua (o estintori) e non si escludono danni agli altri veicoli o all’ambiente circostante.

Ad esempio, in un recente incidente occorso ad una Tesla che ha provocato un incendio ha richiesto circa 121.000 litri d'acqua per essere estinto. 

Per questa ragione, con un occhio al risparmio di risorse preziose come l’acqua e uno (soprattutto) sulla sicurezza dell'intervento, un’azienda norvegese ha inventato una speciale coperta.

Questa soluzione promette di azzerare il consumo di acqua e di spegnere l'incendio di un’auto in circa 20 minuti.

Come funziona

L’azienda si chiama Bridgehill e ha sfruttato il principio più semplice per estinguere un fuoco: togliere ossigeno. La coperta ha misure di 6x8 metri, pesa 28 kg ed è in grado di ricoprire interamente la maggior parte dei modelli in vendita.

https://www.youtube.com/watch?v=Ogbwj84atnk

Basta stendere la coperta sopra al veicolo in fiamme e lasciarla per una ventina di minuti ben aderente al terreno. In questo modo, il fuoco esaurirà l’ossigeno e si estinguerà spontaneamente. Naturalmente, solo dei pompieri specificatamente addestrati possono utilizzare questa soluzione.

Due versioni disponibili

Bridgehill offre due tipi di coperte, la Standard e la Pro. La Standard è pensata per spegnere solo un incendio, mentre la Pro è riutilizzabile per circa 30 auto ed è quindi perfetta per i vigili del fuoco.

Ovviamente non si tratta di una soluzione definitiva per il problema degli incendi, ma può servire a ridurre anche l’immissione nell’aria di sostanze inquinanti. Discorso diverso per le auto elettriche dato che le batterie agli ioni di litio possono continuare a bruciare anche senza ossigeno (ne parliamo qui). In questo caso la coperta permette di isolare l’incendio fino all’arrivo dei vigili del fuoco.