Volkswagen è uno dei costruttori che ha messo radici da più tempo e in modo più capillare in territorio cinese, stringendo vari accordi anche con più di un costruttore locale contemporaneamente. Le più celebri sono quelle con i colossi FAW e SAIC, tuttora attive con vari stabilimenti che producono anche modelli a marchio Audi e Skoda.

Volkswagen-SAIC in particolare ha uno dei suoi poli principali ad Anting, nel vasto circondario di Shanghai. Qui sorge un complesso storico arricchito negli anni da nuovi impianti recenti che sta diventando uno dei punti strategici per la produzione di veicoli elettrici, batterie incluse, destinati al mercato interno.

Un percorso virtuoso

Volkswagen avvia la collaborazione con SAIC nel 1984 con un contratto di 25 anni per la produzione di autovetture a Shanghai con un limite del 50% di proprietà straniera. Shanghai-Volkswagen inizia la produzione di automobili l'anno seguente. Nel 1993, poco dopo l'inaugurazione del secondo stabilimento (Plant 2), la produzione ha già raggiunto i 100.000 veicoli l'anno.

La Casa tedesca, presto diventata popolare come fornitrice di veicoli utili anche per servizi come i taxi ma apprezzati altresì dai giovani imprenditori come vetture i rappresentanza, incoraggia anche i suoi fornitori di componenti esteri a creare joint venture in Cina, aiutando SAIC-Volkswagen a raggiungere un tasso di produzione locale di ben l'85%.

La fabbrica Volkswagen-SAIC di Anting

La variante locale della Volkswagen Touran

Il 12 aprile 2002 tre anni dopo la costruzione del terzo impianto (Plant 3), SAIC Motor rinnova il contratto con Volkswagen per altri 20 anni e accoglie l'introduzione del marchio Skoda, che debutta nel 2005.

La fabbrica Volkswagen-SAIC di Anting

La fabbrica Volkswagen-SAIC di Anting

Le Audi e le batterie

Oggi, i tre impianti del complesso di Anting, che occupano un'area di 3,3 chilometri quadrati e produce qualcosa come mezzo milione di auto l'anno, comprendono anche un quarto polo dedicato alle batterie e ai sistemi propulsivi elettrici: i modelli che escono dai suoi cancelli sono oltre una decina, dalle Volkswagen Lavida, derivata della Passat specifica per la Cina, alle varianti locali di Polo, Tiguan, T-Cross si passa alle ID.3, ID.4 e ID.5.

La fabbrica Volkswagen-SAIC di Anting

A queste si affiancano anche due modelli Audi, la A7L a passo lungo e la Q5 e-Tron. La produzione nella Plant 1 si distingue per l'elevata automazione: numerosi robot sono utilizzati per la saldatura delle carrozzerie e l'impianto è stato il primo a introdurre apparecchiature di misurazione online al laser, le più all'avanguardia.

L'officina di verniciatura è invece quella che ha inaugurato l'avanzata attrezzatura di verniciatura automatica ESTA e il processo di pretrattamento Rodip full immersion, supportato da iniezione di cera, lavaggio e altri processi ad elevata efficienza.

Vedi tutte le notizie su Fabbriche 4.0

La scheda di Anting

Inaugurazione 1985
Proprietà SAIC-Volkswagen
Collocazione Anting, Shanghai, Cina
Superfice complessiva 3.300.000 metri quadri
Dipendenti impiegati circa 5.200
Capacità produttiva 500.000 unità/anno
Altre attività

Produzione batterie e powertrain elettrici

Principali modelli prodotti Volkswagen Polo, Lavida, Tiguan, Arteon, Audi A7L e Q5 e-tron
Modelli storici più importanti Volkswagen Jetta, Santana, Passat Lingju, Touran, Skoda Fabia e Octavia 
Modelli di prossima produzione Cupra Tavascan

Fotogallery: La fabbrica Volkswagen-SAIC di Anting