Entro fine anno, la flotta di auto in condivisione Enjoy salirà di 350 unità nella capitale

Auto in condivisione sempre più protagoniste in Italia: entro fine anno, il car sharing Enjoy a Roma avrà 900 Fiat 500 rosse, grazie a 350 unità in più. Si amplierà inoltre l’area di copertura per includere anche le zone più esterne della città: si potrà prendere a noleggio e rilasciare una Enjoy (senza costi aggiuntivi) anche nei quartieri Pigneto, Tiburtino, Casal Bertone, Cinecittà, Torrino Mezzocammino, Papillo Aurelio e Casal Palocco. Novità che fa seguito a un altro progetto già messo a punto di recente: parcheggiare le 500 negli stalli dedicati presso il Terminal 1 dell’aeroporto di Fiumicino, per chi arriva da Roma, è ancora più semplice e sicuro grazie alla presenza dell’Enjoy Team. Infatti, un addetto, nel caso di congestione dei 20 parcheggi dedicati, consentirà comunque ai clienti di rilasciare la vettura e di chiudere il noleggio senza ulteriori perdite di tempo.


C'è anche "Via col 20"


Ricordiamo infine che è attiva in tutta Italia la promozione di Enjoy "Via col 20": la tariffa del car sharing scende a 20 centesimi al minuto. Con due passaggi, all'apertura dell'applicazione è possibile acquistare un voucher da 25 euro al costo di 20 euro, uno sconto del 20%. I voucher acquistati saranno immediatamente accreditati e avranno una validità sino al 31 dicembre 2018. Come al solito, si prenota l'auto tramite smartphone, si preleva in città, si circola, quindi la si lascia di nuovo parcheggiata e infine si paga tramite carta di credito in base ai minuti percorsi.


E Milano punta a quota 1.000


Se Roma salirà a 900 Fiat 500 rosse, Milano crescerà a quota 1.000. In definitiva, le varie flotte nelle città saranno così composte: Torino (flotta di 260 auto), Milano (1.000), Firenze (74 macchine), Roma (900) e Catania (91). Enjoy costa 25 centesimi al minuto entro 50 km; o 50 euro per 24 ore consecutive di noleggio; per ogni km aggiuntivo al numero massimo di km si pagano 25 centesimi al km. È un "noleggio lampo", che si distingue dal noleggio a breve termine (con numeri record per l’Italia) e dal noleggio a lungo termine, con diversi operatori sul mercato, come car2go e le sue smart bianche, il car sharing di “lusso” DriveNow con le BMW e le MINI, Sharen’go con le piccole unità gialle elettriche disponibili anche per la mobilità aziendale: le tariffe a confronto qui.


Contratti e cavilli diversi


Il servizio di auto in condivisione presenta numerosi vantaggi, è comodo e può essere conveniente. Un’unica raccomandazione: prima di sottoscrivere il contratto con un qualsiasi operatore di car sharing, leggere con la massima attenzione tutti gli articoli e i commi, tenendo presente che ogni società è libera di introdurre i cavilli che crede. In particolare, occhi puntati sulle franchigie, gli scoperti e le varie penalità in caso di incidente, danni dentro all’auto e sulla carrozzeria, furti, nonché sulle modalità di restituzione del mezzo. Soprattutto, è opportuno essere consapevoli delle clausole assicurative del car sharing (qui vi spieghiamo cosa copre l'assicurazione e cosa no). Dalla loro, qualsiasi compagnia di noleggio, che sia “lampo” o breve, ha la possibilità di far scattare addebiti direttamente sulla carta di credito del cliente.

Fotogallery: Car sharing: Enjoy arriva a Roma