Una delle funzioni più interessanti di Google Maps è il sistema di segnalazione degli autovelox. Ecco come usarlo

Sono passati diversi mesi da quando Google Maps segnala gli autovelox anche in Italia. Era estate e, dopo il debutto sugli smartphone Android, la stessa feature sbarcò in autunno anche sui dispositivi iOS contestualmente a un sistema capace di avvisare chi è alla guida sulla presenza di vari eventi cruciali. 

Non solo autovelox fissi, ma anche postazioni mobili che, assieme alle segnalazioni di cantieri, strade chiuse, veicoli in panne, incidenti e così via, rendono l’app di casa Mountain View un alleato sempre più funzionale per evitare traffico, ingorghi e, nel nostro caso, anche le multe per eccesso di velocità.

Come trovarli

Dopo mesi e mesi di sperimentazioni, sulla falsariga di Waze, Google Maps ha reso disponibile anche in Italia il suo sistema di segnalazione degli autovelox. Si tratta di una feature disponibile sia su smartphone Android, sia su dispositivi iOS che funziona così. Una volta aperta l’app, per prima cosa bisogna impostare una destinazione affinché il sistema ci segnali le postazioni di rilevazione della velocità presenti sul percorso del nostro itinerario. Al momento l’applicazione non ne mostra la posizione scandagliando semplicemente la mappa.

Perciò solo dopo aver programmato la destinazione desiderata Maps ci mostrerà dove sono gli autovelox, fissi o mobili che siano. Sono visibili già nell’anteprima del percorso, con un’icona specifica a vignetta che racchiude una telecamera, icona simile a quella che segnala incidenti, lavori in corso e così via. Per ascoltarne gli avvisi vocali, ricordatevi di spuntare l’opzione “Riproduci segnali audio” e di lasciare attivo il volume delle indicazioni, o impostarlo almeno su “Solo avvisi”.

Autovelox

Come segnalarli

Per rendere il sistema il più efficace e completo possibile, Google Maps non solo permette di vedere dove si trovano gli autovelox, ma dà la possibilità agli utenti stessi di segnalarne la presenza. Basta avviare la navigazione verso una destinazione e toccare l’opzione relativa alle segnalazioni, icona contraddistinta da una vignetta con un "+" al suo interno, che si trova sulla destra proprio sotto al menù a scomparsa per il volume.

Cliccandoci su, oltre a poter dare notizia di eventuali incidenti, rallentamenti, lavori in corso o chiusure di corsia, Maps ci consente così di segnalare la presenza di un autovelox mobile. Basta cliccare sull’icona relativa e il gioco è fatto. E se l’app avesse in memoria una postazione fissa non più presente, possiamo comunicare al sistema se la postazione c'è ancora o meno. Per farlo basta cliccare sull’icona di segnalazione e seguire le indicazioni relative, tutto qua.

Autovelox