Fiat Panda Cross, come va il baby-SUV italiano

Guidare la Panda 4x4 è sempre un piacere. Perchè l’agilità che regala quest’auto in strada e soprattutto fuoristrada non ha pari. Fare di meglio è difficile, ma Fiat ci prova ancora con la versione Cross. Che cos’è? Una Panda 4x4 ancora "più 4x4" nello stile e nell’impostazione tecnica che aumenta ulteriormente le capacità fuoristradistiche. Tanto che in Fiat la definiscono la prima baby SUV della storia. Sarà vero? Ora vi dico la mia.


Si vede che è Cross


La prima caratteristica della Panda Cross è che si fa notare. La carrozzeria è stata caricata di elementi che fanno il verso agli off road duri e puri: i paraurti sono rinforzati, davanti c’è una vistosa protezione sottoscocca e ancora due ganci di traino che non solo sono a vista, ma anche colorati rosso fuoco. I fendinebbia, invece, sono stati posizionati all’altezza del logo Fiat e al loro posto ci sono due strisce di luci diurne a led (è la prima volta che si vedono su una Fiat).


Ancora più 4x4


Ma il bello della Panda Cross viene quando la si guida in fuoristrada perché conferma tutte le qualità della Panda 4x4 (io l’avevo provata oltre un anno fa a Madonna di Campiglio) innalzando l’asticella dei limiti di guida grazie alla maggiore altezza da terra, alle nuove protezioni in acciaio e alla gommatura maggiorata (85/65R5 M+S All Seasons). Per la cronaca gli angoli cara...