Kia Stonic, SUV piccolo ma solo nelle dimensioni

Sono anni che le Kia hanno fatto il salto di qualità, ma non tutti ancora ne sono al corrente. Lo sono però i moltissimi clienti che hanno già scelto Sportage, il SUV medio del marchio. Cosa c’entra tutto ciò con la Stonic? C’entra perché proprio il fatto di essere un SUV come lo Sportage, anche se più piccolo, potrebbe “facilitare” la vita della nuova arrivata, che però il successo se lo deve conquistare sul campo. Anzi, su strada, dove l’ho messa alla prova.


Com’è


Non è mio compito (né diritto) dire “bella” o “brutta”, ma posso affermare con convinzione che si tratti di uno dei design più equilibrati, fra quelli dei SUV compatti oggi sul mercato. Prima di tutto perché ha una sua personalità: la mascherina ha le classiche forme Kia, con il tiger nose tra i fari che si fa riconoscere anche qui, ma le linee non sono il semplice adattamento di idee già espresse con Sportage o Rio. E’ innegabile che nella Stonic c’è un po’ di tutte e due, ma i designer hanno dato forma a qualcosa di diverso. Rispetto alla Rio, per esempio, è più alta di 4,3 cm e questo dà una “presenza” più massiccia, rafforzata peraltro dalla linea di cintura, che verso la fine dei finestrini posteriori si alza, e dai passaruota, molto scolpiti. A darle un tocco di offroad, sempre e solo a live...