Lexus RC 300h, raffinate soddisfazioni

Ci sono tanti modi di intendere una macchina sportiva. Qualcuno ricerca emozioni forti, che possono derivare dalle prestazioni pure o dall’handling tra le curve. Qualcun altro predilige invece la raffinatezza del design e un’auto che sia sì piacevole e veloce, però mai estrema. Per i pochi che non lo avessero intuito, la RC Hybrid - presentata nel 2014 e qui leggermente rinnovata - si rivolge ai secondi, a maggior ragione in variante ibrida. Proprio questa tecnologia la rende di fatto unica nel segmento delle coupé.

Com’è fuori

I gusti sono gusti, ma devo ammettere che l’equilibrio raggiunto dai designer Lexus è azzeccatissimo. La RC riesce a comunicare con le forme della carrozzeria, compatta e muscolosa ma senza eccessi, la sua personalità una volta che è in movimento. Quanto al restyling, gli interventi si sono concentrati su alcuni dettagli, come i fari e il paraurti anteriori, rivisti.

Lexus RC 300h, test drive

Com’è dentro

Se dovessi scegliere un solo aggettivo, direi avvolgente. Senza però risultare soffocante: gli interni della RC ti fasciano quel tanto che basta per farti sentire un tutt’uno con la macchina, ma offrono tutti i cm che servono anche a chi è decisamente “fuori taglia”, in larghezza o in altezza.

Ottimo il livello dei materiali e dell’assemblaggio, non mi ha convinto solo l’interfaccia dell’infotainment, affidata ai pulsanti e al trackpad posizio...