Tra guida autonoma e SUV sembrava non ci fosse più spazio per le 4x4 vere, ma non è così

Da qualche tempo a questa parte sono 2 i termini che vanno per la maggiore nel mondo delle auto: SUV e guida autonoma. I primi non hanno bisogno di presentazione, con il loro assetto rialzato e le forme sempre più originali capaci di conquistare i listini di mezzo mondo. Per quanto riguarda il secondo invece si tratta di un termine spesso abusato che indica le auto in grado di guidarsi da sole, attualmente solo in determinate occasione e che richiedono comunque la presenza del guidatore. Due tendenze che sembrano non lasciare spazio ai cari vecchi fuoristrada. Guardando alle novità degli ultimi mesi però sembra non essere così, anzi.


Le magnifiche 4


Toyota Land Cruiser, Jeep Wrangler e Mercedes Classe G sono fresche novità e a loro si unirà, nel 2019, la nuova generazione della Land Rover Defender. Regine dell’offroad unite dalla trazione integrale, il telaio a longheroni e la voglia di abbandonare l’asfalto per andare a infangarsi là dove le altre auto sono costrette a fermarsi. Con tanta tecnologia in più per godersi al meglio anche i viaggi in autostrada o i percorsi cittadini, ma che non snatura il classico DNA proprio di questi 4 modelli.


#Toyota - La giapponese


La prima, quella del 1951, si ispirava alla Jeep Willis e per mostrare di cosa era capace si inerpicò fino alla sesta stazione del Monte Fuji. Oggi, a più di 65 anni di distanza, la Toyota Land Cruiser continua la sua marcia in fuoristrada con una filosofia di base rimasta inalterata, ma forme più moderne e tanta tecnologia ad accompagnarla, con carrozzeria a 3 o 5 porte, per accontentare tutti.


Dimensioni (5 porte):lunghezza 4,84 metri - larghezza 1.88 - altezza 1,84 - passo 2,79 
Angoli caratteristici: attacco 31° - uscita 25° - dosso 22° - ribaltamento laterale 42°
Pendenza superabile: 42°
Profondità di guado: 70 cm
Altezza da terra: 21,5 cm
Prezzo: da 55.000 euro 


#Jeep - La scuola statunitense


Quando il nome di un tuo marchio diventa quello di un’intera categoria di auto, significa che hai fatto centro. Jeep infatti è sinonimo di fuoristrada fin dalla sua nascita, quando diede il nome alla versione civile della MB, il mezzo usato dagli USA durante la seconda guerra mondiale. A continuare la dinastia ci pensa la Wrangler, introdotta nel 1987 e presentata in versione completamente nuova al Salone di Detroit. Anche per lei ora c’è più tecnologia, ma senza mai dimenticare da dove e venuta e dove vuole andare.


Dimensioni (5 porte): lunghezza 4,75 metri - larghezza 1,87 - altezza 1,86 - passo 2,94 
Angli caratteristici: attacco 44° - uscita 37° - dosso 27,8° - ribaltamento laterale 42°
Pendenza superabile: 42°
Profondità di guado: 76 cm
Altezza da terra: 22,8 cm
Prezzo: da 47.200 euro


#Mercedes - Offroad alla tedesca


Mercedes Classe G, dove la “G” sta per Geländewagen, ovvero “fuoristrada” in tedesco. Una mezzo di quasi 40 anni e che al Salone di Detroit ha aggiunto un nuovo capitolo alla sua storia. Anche in questo caso non rinuncia a numerose tecnologie derivate dalle sue sorelle più civili, ma nemmeno al telaio a longheroni e la promessa di andare là dove nessun’altra Stella può anche solo immaginare.


Dimensioni (5 porte): lunghezza 4,71 metri - larghezza 1,88 - altezza 1,85 - passo 2,94 
Angoli caratteristici: attacco 30,9° - uscita 29,9° - dosso 25,7° - ribaltamento laterale 35°
Pendenza superabile: 45°
Profondità di guado: 70 cm
Altezza da terra: 24,1 cm
Prezzo: da circa 107.000 euro


#LandRover - Aspettando l’inglese


Quest’anno compie 70 anni (o compirebbe, visto che non viene più prodotto dal 2016) la Land Rover Defender, nata nel 1948 ispirandosi alla Jeep Willys. Sembra che nel 2019 arriverà finalmente la nuova generazione, con forme più moderne simili a quelle della concept DC100 e tecnologie prese dalle sorelle Range Rover e Discovery. Anche le capacità offroad miglioreranno, probabilmente anche grazie all’adozione del Terrain Response 2. I dati qui sotto si riferiscono alla versione uscita di produzione nel 2016.


Dimensioni (5 porte): lunghezza 4,78 metri - larghezza 1,79 - altezza 2,00 - passo 2,79
Angoli caratteristici: attacco 48,7° - uscita 35,6° - dosso 149,7° - ribaltamento laterale 35°
Pendenza superabile: 45°
Profondità di guado: 50 cm
Altezza da terra: 24,1 cm
Prezzo: 30.000 euro


Resistono al tempo


La tecnologia ormai va a braccetto con il mondo dell'auto, come testimoniato dalla presenza di sempre più case ad appuntamenti come il CES di Las Vegas e il futuro appartiene a cervelloni in silicio pronti ad aiutarci (e poi sostituirci) alla guida. C'è chi guarda con entusiasmo a questo pieno di tecnologia mentre altri rabbrividiscono e rimpiangono i bei tempi andati, quando il mondo era analogico, senza aggeggi elettronici a prendere i comandi. A loro diciamo di stare tranquilli, perché nonostante tutto anche i costruttori più grossi continuano a rimanere affascinati dalla guida di un tempo e propongono modelli dove è l'uomo a fare la differenza. Guardate qui sopra, 4 fuoristrada veri che, nonostante le nuove tecnologie, sanno lasciar fare tutto al guidatore e portarlo dove guida autonoma e connettività non contano nulla. Conta solo guidare. 

Il rinascimento dei fuoristrada duri e puri

Foto di: Massimo Grassi