Il SUV della Casa di Stoccarda in leasing: anticipo, canoni mensili e poi eventuale riscatto

L’offerta finanziaria di Mercedes si chiama myDrivePass e segue uno schema semplice: è un leasing, con anticipo, canoni mensili e poi eventuale riscatto. Fra i vari esempi, quello della Mercedes GLS, per la precisione della GLS 350d 4MATIC Sport. Parliamo di un SUV di lusso che ha un prezzo chiavi in mano di 83.520 euro, pertanto è chiaro che i numeri snocciolati in basso non saranno leggeri. L’offerta, valida per tutto marzo, è rivolta anche ai privati senza partita IVA: un’opportunità interessante, una volta riservata solo alle aziende ed ai possessori di partita IVA. Come fosse un classico finanziamento, occorre l’approvazione di Mercedes Financial Services Italia.

Vantaggi

La promozione della Mercedes GLS 350d 4MATIC Sport. Una considerazione in premessa: la tabella sul sito della Casa è molto chiara, fattore importante per il consumatore che deve orientarsi. Serve un anticipo di 25.000 euro, non tanto per questo tipo di veicolo. I 35 canoni mensili di 750 euro non sono altissimi. Buona la percorrenza ammessa in 3 anni: 60.000 km. Eventuale riscatto a 39.485 euro. Il cliente ha tre scelte: versarlo e tenere l’auto, darla in permuta per un’altra della Casa o lasciarla in concessionaria. Comunque, i parametri dell’offerta possono variare in base alle esigenze dell’automobilista.

Svantaggi

Non sono eccezionali TAN e TAEG, rispettivamente del 4,9% e del 5,41%. Si parte da 58.520 euro finanziati e si arriva a 66.276 euro di dovuto dal consumatore (ovviamente anticipo escluso). Ma il neo vero della promozione della Mercedes GLS 350d 4MATIC Sport sta nel fatto che il sito nulla dice sulla penalità per chi sfora i 60.000 km in 3 anni. È necessario ottenere queste informazioni in concessionaria. Il cliente ricordi che, alla riconsegna del mezzo, la Casa valuta con la massima attenzione, oltre al chilometraggio, pure le condizioni del veicolo: se ci sono danni, scattano penalità.

Nuova Mercedes GLS, ammiraglia 7 posti

Foto di: Fabio Gemelli