Aggiornamenti estetici di fino e dettaglio per il SUV giapponese, ma anche tecnici

Stile che vince non si cambia. O per lo meno, si affina. E' quanto accaduto al Salone di New York allo stand di casa Mazda nel vedere la rinnovata CX-3 2018. Stile dicevamo, perchè in effetti ora il design Kodo è più maturo, sopratutto nello sfruttamento delle linee, principalmente nella zona posteriore, ma comunque sempre riconoscibile. D'altro canto, che il corso stilistico della casa giapponese fosse risultato vincente è oramai un qualcosa di conclamato. Inutile dunque cambiare, quanto semmai meglio affinare. Un affinamento che non è solo di design ma anche tecnico con i nuovi motori SkyActiv aggiornati, ed una serie di tecnologie di sicurezza i-Activesense ampliata.

Affinamenti di Stile

Si tratta del secondo aggiornamento dal lancio del 2015 quello di questo Suv compatto. Dal punto di vista del design, ecco una nuova calandra in termini di stile, e nuovi cerchi in lega da 18 pollici. Salendo a bordo, si può notare il nuovo tunnel centrale con un bracciolo centrale anteriore, un freno a mano elettronico con funzione di auto-hold ed i sistemi di sicurezza i-Activesense con Cruise Control adattivo e funzione Stop&Go, oltre ai fari adattivi a Led.

Motori più puliti

Dunque aggiornamenti di stile, ma come introdotto precedentemente, anche aggiornamenti tecnici a partire da quel motore diesel SkyActiv-D aggiornato al rispetto della Euro 6d-Temp, con test di emissione nell'uso reale quotidiano, grazie anche ad una minor temperatura di combustione ed un catalizzatore ad accumulo di NOx. Aggiornamenti anche per lo SkyActiv-G da 2 litri benzina. Anche se in assenza di filtro antiparticolato, l'emissione è stata abbassata secondo quanto riferito dalla casa. Tutto questo in attesa ovviamente della nuova generazione SkyActiv-X che avevamo provato in anteprima nelle scorse settimane.

 

Fotogallery: Mazda CX-3 2018