L'assemblea degli azionisti sfida il CEO Kruger, responsabile - a loro dire - di essere troppo cauto rispetto alle auto a zero emissioni

L’ultima assemblea degli azionisti BMW è stata più vivace del solito, perché la casa tedesca è stata criticata apertamente da chi si aspettava tempi più svelti per l’arrivo delle auto elettriche.

A tuonare contro la dirigenza è stata Daniela Bergdolt, vice-presidente dell’associazione che rappresenta gli azionisti BMW, che nel corso del suo intervento ha chiesto dove siano le auto elettriche da contrapporre a quelle promesse dagli storici rivali di Audi e Mercedes. “Certo, avremo la iNEXT – ha continuato Bergdolt –, ma mi sarei aspettata qualcosa per sfidare Tesla”.

La prudenza non paga

L’intervento di Bergdolt è stato applaudito dagli altri azionisti, secondo quanto riferisce il sito internet Autonews, prova che in molti condividono la sua visione e non sembrano apprezzare la cautela mostrata su questo fronte da Harald Kruger, assai più attendista sulle auto elettriche rispetto agli omologhi di Audi e Mercedes.

Fotogallery: BMW i3 e i3s 120 Ah

 

Gli storici rivali della casa di Monaco hanno già pronte le e-tron e EQ C, crossover elettrici che fanno da apripista ai nuovi modelli a batterie in arrivo nei prossimi anni. BMW invece ha in vendita l’utilitaria elettrica i3, una vettura meno redditizia dei grandi crossover, e lancerà nel 2020 il SUV iX3, nel 2021 la berlina i4 e sempre nel 2021 il crossover iNEXT, vero rivale delle e-tron e EQ C.

Quale futuro per Kruger?

La critica ricevuta durante l’assemblea degli azionisti si inserisce in un periodo difficile per Kruger, dopo che secondo il sito internet Bloomberg è stato messo in discussione proprio a causa della sua scarsa propensione ad investire sulle auto a batterie.

Kruger, in carica dal 2015, potrebbe non essere riconfermato e sconta anche le difficoltà di BMW sul fronte dei guadagni, perché il trimestre gennaio-marzo 2019 è stato il peggiore dal 2009: era da 10 anni infatti che BMW non perdeva denaro nel primo trimestre dell’anno (il passivo è stato di 589 milioni di euro).

Fotogallery: BMW iNEXT, le foto spia sulla neve

Fonte: InsideEVs