La notizia arriva da Autocar, che ipotizza un futuro a 4 cilindri ibrido per una delle super saloon più famose di sempre

In origine era il V8 aspirato da 6,2 L con 450 CV di potenza e un cambio a doppia frizione. Trazione rigorosamente posteriore e un sound da far invidia a qualunque tenore. La Classe C AMG è diventata una delle auto più stuzzicanti in circolazione con l'arrivo del primo V8 che le ha permesso di competere ad armi pari con Audi RS4 e BMW M3 dell'epoca.

Il secondo capitolo dell'ottocilindri ha fatto storcere il naso ai puristi per l'arrivo della sovralimentazione tramite turbo, che ha visto la quote della cilindrata ridursi fino a 4.0 L. Gli amanti delle performance, però, hanno ringraziato. Visto che i 510 CV permettevano non solo di essere più veloci ma di esibirsi ancor meglio in quei traversi per cui la C63 AMG era diventata famosa. 

Le legge delle emissioni

Pare che nessuno possa piegarsi alla necessità di ridurre le emissioni di agenti clima alteranti della propria gamma e questo vuol dire, spesso, dover rinunciare a lay out tecnici ricercati. Motori come i V10 e i V12 aspirati sono destinati a scomparire, così come i "flat six" di Porsche, anche se per adesso tutti i costruttori citati hanno dichiarato di voler tenere vivi più a lungo possibile queste meraviglie

Da parte di Mercedes, comunque, non ci sono state conferme a riguardo, ma pare che la rivista inglese abbia ipotizzato l'utilizzo dell'M139, il motore che equipaggia la nuova Classe A45 AMG, con un motore elettrico per una potenza superiore ai 500 CV.

Fotogallery: Mercedes C63 AMG, più divertente di una sportiva [VIDEO]

Addio anche alla trazione posteriore?

Il motore preso in considerazione è un 4 cilindri 2.0 L capace di erogare 387 o 421 CV ed è stato sviluppato per essere installato sia trasversalmente che longitudinalmente. Quest'ultimo sarebbe il caso della prossima generazione di C63, che verosimilmente potrebbe cambiare anche appellativo. 

Abbinato ad un modulo elettrico per superare i 500 CV potrebbe vedersi accoppiato a un sistema di trazione integrale per scaricare al meglio la potenza. Insomma, all'orizzonte potrebbe esserci non un nuovo capitolo per la C63 ma un nuovo libro da scrivere, con buona pace dei puristi.