"Dalla visione virtuale al modello fisico". Viene presentato così il prossimo debutto in versione vera e propria della MINI ini Vision Urbanaut, prototipo di originale monovolume firmato dalla Casa inglese. Una concept vista per la prima volta solo ed esclusivamente sul web a novembre 2020 e ora, dopo mesi di silenzio, pronta a diventare un'auto da vedere dal vivo e toccare.

Una sorta di laboratorio su ruote, destinato non alla produzione in serie, ma a fare da vetrina tecnologica per anticipare alcune soluzioni che verranno riprese sulle Mini del futuro. Quanto lontano sia questo futuro però ancora non lo sappiamo.

MINI, solo di nome

Per essere tale una concept deve essere originale e la MINI Vision Urbanaut non tradisce le attese: si tratta del primo monovolume prodotto dalla Casa inglese, con forme tondeggianti e un abitacolo più simile a un salotto che all'interno di un'auto.

Divanetti lungo i lati, poltroncine, tavolini e vasi per le piante. Ah si, c'è anche il volante ma "affogato" nella plancia, dalla quale sorge solo quando si decide che è giunto il momento di mettersi a guidare.

 

La MINI Vision Urbanaut infatti è dotata di tecnologie di guida autonoma di Livello 4, ovvero quelle che di norma lasciano il controllo all'intelligenza artificiale, offrendo comunque agli occupanti la possibilità di prendere il controllo in alcune situazioni. La propulsione naturalmente è 100% elettrica, con autonomia ancora non dichiarata. Probabilmente ne sapremo di più in occasione della presentazione online sul portale dedicato.

Mini Vision Urbanaut

La trasformista

La capacità della MINI Vision Urbanaut di mutare le proprie funzioni non finisce qui: il monovolume inglese infatti cambia anche nella destinazione d'uso: tramite app e a seconda delle necessità infatti lo si può utilizzare come salotto, come ufficio o come veicoli per viaggi a emissioni zero.

Fotogallery: MINI Vision Urbanaut Concept