Nata agli inizi degli anni ’80, la Ferrari 288 GTO raccolse un’eredità davvero pesante. Il modello fu la seconda GTO della storia del Cavallino Rampante dopo l’iconica 250 degli anni ’60 ed ebbe il compito rilanciare la Casa dopo un periodo di flessione nelle vendite.

Alla fine, la 288 GTO ebbe il successo ricercato ed è tuttora ambita da tanti collezionisti, tanto che un esemplare finito all’asta da RM Sotheby’s potrebbe toccare cifre elevatissime.

La nascita della 288 GTO

La Ferrari fa parte dell’asta The Petitjean Collection che si tiene il 2 febbraio a Parigi. Il modello fu fortemente richiesto da Enzo Ferrari in persona, il quale desiderava una supercar portabandiera di tutta la gamma capace di incarnare il “vero spirito Ferrari”. Il Drake commissionò il progetto al capo ingegnere Nicola Materazzi che diede così vita alla 288 GTO disegnata da Pininfarina.

1985 Ferrari 288 GTO
1985 Ferrari 288 GTO
1985 Ferrari 288 GTO

Costruita per essere un’auto da corsa per la strada, il modello non fece in tempo a partecipare alle gare del Gruppo B della FIA, vista la soppressione della categoria. Il motore V8 biturbo da 400 CV (che trovò spazio anche nella futura F40), comunque, fu alla base della Lancia LC2 del Gruppo C, la quale fu capace di tenere testa alle velocissime Porsche 956.

Full optional e come nuova

L’esemplare numero 55169 in vendita all’asta fu consegnato da nuovo a Bepp Mayer, un pilota tedesco conosciuto nel mondo del motorsport per aver guidato numerose BMW, tra cui le 3.5 CSL. La Ferrari fu ordinata con tutti gli optional disponibili, a partire dalla tinta Rosso Corsa e dagli interni in pelle nera.

1985 Ferrari 288 GTO

La dotazione è completata dal climatizzatore, dagli alzacristalli elettrici e dall’autoradio. Successivamente, l’auto è passata di mano finendo nella collezione Petitjean e ha percorso complessivamente 9.559 km dal 1985.

Per la sua storia e per la sua rarità (ne sono stati costruiti solo 272 esemplari), il prezzo stimato è elevatissimo: Sotheby’s stima la 288 GTO tra i 2,4 e i 2,6 milioni di euro.

Fotogallery: Foto - 1985 Ferrari 288 GTO