Viaggiare ad oltre 300 all’ora deve essere una sensazione tanto adrenalinica quanto terrorizzante per la maggior parte delle persone. A certe velocità è necessario avere sangue freddo e riflessi per gestire eventuali imprevisti, ma questo non ha minimamente preoccupato Dan Parker, un pilota americano diventato cieco dopo un grave incidente nel 2012.

Parker ha stabilito di recente il record del mondo per la velocità massima raggiunta da una persona non vedente: 339,64 km/h.

“The Blind Machinist”

Lo scorso primo aprile, il pilota originario di Columbus, in Ohio, ha guidato una speciale Chevrolet Corvette C6 nel circuito di Spaceport America, nel New Mexico. Superando i 339 km/h, Parker ha stracciato il precedente primato del mondo stabilito nel 2014 da Mike Newman che si era fermato a 322,69 km/h. C’è però una sostanziale differenza tra i due record: mentre Newman guidò bendato, Parker, come detto, è completamente cieco.

Il pilota ha preparato la Chevrolet per quattro anni e mezzo prima di mettersi alla guida per il tentativo di record. In precedenza, Parker ha collezionato una serie di primati in diverse categorie e ha raccontato la sua storia sul proprio sito The Blind Machinist.

Dall’incidente al record

Dopo una lunga carriera nei campionati americani, il 31 marzo 2012 Parker è rimasto gravemente ferito nel corso di un collaudo in pista andando a sbattere contro un muro a 280 all’ora. Sopravvissuto per miracolo, Parker ha perso la vista e nei sei mesi successivi ha raccontato di aver fatto i conti con la depressione e col pensiero del suicidio.

Nel momento più triste della sua vita, il pilota ha raccontato di essersi posto l’obiettivo di diventare l’uomo cieco più veloce del pianeta. Parker si è messo al lavoro su una speciale moto diventando nel 2013 il primo pilota non vedente ad esibirsi sull’iconico tracciato di Bonneville Salt Flats raggiungendo gli 89 km/h.

Nel 2020, invece, ha stabilito il record americano per una persona cieca toccando i 246 km/h. Il resto è storia recente.