Stellantis continua ad investire sul suo futuro ad emissioni zero. Nell’ottica della strategia Dare Forward 2030 che prevede una gamma 100% elettrica in Europa entro la fine del decennio, il Gruppo sta portando avanti una serie di aggiornamenti nell’impianto di Trémery-Metz in Francia.

Nello stabilimento transalpino nasceranno nuovi motori e trasmissioni che troveremo sui modelli più importanti dei prossimi anni.

Presente e futuro di Stellantis in Francia

Con oltre 2 miliardi di euro investiti in Francia dal 2018, Stellantis sta progressivamente trasformando e adattando i vari impianti presenti. Un tempo il più grande stabilimento al mondo per la produzione di motori diesel, ora Trémery-Metz è in prima linea per i piani di elettrificazione globale.

Da qui usciranno i motori elettrici (i cosiddetti “emotors”) e le trasmissioni del futuro (“e-Transmissions”). Nel primo caso, grazie alla joint venture al 50% con Nidec Leroy-Somer-Holding e ad investimenti per 93 milioni di euro, da quest’anno è iniziata la produzione di una nuova gamma di motori elettrici che arriverà alla quota di 1 milione di unità all’anno a partire dal 2024.

Per le trasmissioni invece, la joint venture al 50% con Punch Powertrain (finanziata con un investimento di 57 milioni di euro), realizzerà i nuovi prodotti elettrificati a doppia frizione fino a raggiungere i 600.000 cambi “eDCT” entro il 2024.

Motori e trasmissioni di nuova generazione

Uno dei primi frutti degli aggiornamenti allo stabilimento francese sarà l’Emotors M3, un motore elettrico ancora più efficiente progettato per funzionare con una tensione di 400 V ed erogare una potenza di 115 kW (156 CV). Il suo debutto avverrà già entro la fine del 2022 su una vettura 100% elettrica della galassia Stellantis.

Stellantis Piano Strategico lungo termine
La "baby" Jeep elettrica, una delle prossime BEV di Stellantis in arrivo nei prossimi mesi

Nel 2023, invece, vedremo la trasmissione eDCT nei livelli di elettrificazione a 48 V e 320 V per veicoli mild hybrid e ibridi plug-in. In particolare, la variante a 48 V sarà abbinata ad un’evoluzione radicale del motore a benzina 1.2 turbo a 3 cilindri PureTech, il quale è presente su diversi modelli compatti Peugeot, Citroen, Opel e DS. Qui la trasmissione potrà muovere le ruote del veicolo anche quando il motore elettrico è spento riducendo i consumi e le emissioni fino al 20% rispetto ai powertrain attuali.