Costruita in Germania, ma apprezzata (soprattutto) all'estero. È stato questo il destino della Volkswagen Jetta, una berlina compatta costruita in cinque generazioni che ha riscontrato un particolare successo negli Stati Uniti e in Cina. 

La "sorella" a tre volumi della ben più famosa Golf compie 40 anni con la sua seconda generazione. Andiamo a ripercorrerne la sua storia.

I primordi

Conosciuta anche come Vento e Bora, la Jetta è stata venduta anche in Italia a più riprese, tra il 1980 e il 1992 e tra il 1998 e il 2012. La seconda generazione viene presentata nel febbraio 1984, un anno dopo l'anteprima della Golf II, con la quale è stata sviluppata insieme fin dall'inizio.

Tuttavia, come il suo predecessore, la Jetta II presenta una parte posteriore completamente diversa da quella della Golf. Inoltre, le proporzioni sono leggermente più grandi, con una lunghezza di 4,32 m (+33 cm rispetto alla Golf) e un bagagliaio con una capacità di 550 litri da categoria superiore. Quest'ultimo è un grande vantaggio in un'epoca in cui non esiste ancora la Golf Variant.

 

Volkswagen Jetta II (1984-1992)

Volkswagen Jetta II

Le linee di allestimento sono quattro: C, CL, GL e Carat. La variante Carat è disponibile solo con il motore da 1,8 litri (90 CV), mentre i modelli speciali sono Strada, Beach, Coach, Court, Pacific, Flair, TX e Style.

Nel febbraio 1984 viene lanciata la Jetta II con i seguenti motori: 1,3 litri (55 CV), 1,6 litri (75 CV), 1,8 litri (90 CV), 1,6 litri diesel (54 CV) e il turbodiesel 1,6 litri con 70 CV. Nel suo primissimo anno di produzione, la Volkswagen è equipaggiata anche col motore GTI da 1,8 litri (112 CV), con una velocità massima di poco superiore ai 190 km/h.

Visivamente, la variante più sportiva si distingue per il piccolo spoiler posteriore e, soprattutto, per le strisce rosse sui paraurti, gli emblemi rossi e i freni a disco posteriori. La vettura è dotata di sospensioni sportive, abbassate di dieci millimetri rispetto alle altre versioni.

Volkswagen Jetta II (1984-1992)

Volkswagen Jetta II

Gli aggiornamenti successivi

Nella primavera del 1987, la Volkswagen allarga la gamma introducendo una seconda variante GT con motore da 1.781 cc e 139 CV caratterizzata dal doppio terminale di scarico e dagli emblemi rossi 16V sulla calandra, sul portellone e sul vano portaoggetti.  Inoltre, gli altri motori vengono aggiornati col convertitore catalitico.

Un altro nuovo modello del 1987 è la Jetta Syncro con la trazione integrale abbinata al motore da 1,8 litri da 90 CV (la cui potenza viene successivamente aumentata a 98 CV). 

Nel 1987 vengono eliminate anche la versione base C e la versione di lusso Carat e vengono introdotte le più sportive GT da 90 CV e una GTD con propulsore turbodiesel da 70 CV. Il 1988 segna il debutto della GTX (un nome abbandonato già l'anno successivo) da 112 CV o 139 CV, a seconda che sia con o senza catalizzatore. 

Volkswagen Jetta II (1984-1992)

Generazioni di Volkswagen Golf e Jetta a confronto

All'inizio del 1989, la Jetta viene dotata di un nuovo sistema elettrico centrale proveniente dalla Passat 35i, riconoscibile dall'interruttore di emergenza sul piantone dello sterzo. Tutti i modelli sono ora dotati di grandi paraurti; nella parte anteriore, il labbro dello spoiler corrisponde a quello della Golf GTI. Sulla GT, lo spoiler posteriore è verniciato in tinta con la carrozzeria, mentre i nuovi paraurti allungano il veicolo di sette centimetri. 

Volkswagen Jetta II (1984-1992)

Volkswagen Jetta GTI

Gli ultimi anni

La Jetta II riceve il suo restyling più importante nell'agosto 1989. Tutti i modelli hanno ora paraurti massicci e un grande spoiler anteriore (come sulla Golf GTI). Le fiancate presentano delle modanature e delle estensioni nere, anch'esse riprese dalla Golf GTI. 

Anche lo spoiler posteriore della GT è ora verniciato in tinta con la carrozzeria ed è realizzato in plastica dura. Infine, il portellone posteriore è dotato di un ampio pannello di plastica tra le luci posteriori su tutte le versioni. 

Con il restyling, Volkswagen aggiunge anche due nuovi motori alla gamma diesel. Il motore diesel più potente è ora il 1.6 con intercooler e 80 CV. 

La produzione della Jetta II viene interrotta nei mercati occidentali all'inizio del 1992 con il lancio della Vento. In Cina ha continuato a essere prodotta e sviluppata come FAW-VW Jetta dal 1991. La produzione è terminata solo nel 2013.

Fotogallery: Volkswagen Jetta II (1984-1992)

Fonte: Volkswagen Aktiengesellschaft