Porsche 911 GT3 RS, aumento di potenziale

Ventiquattro secondi. Ecco a cosa si aggiungono le modifiche apportate alla nuova Porsche 911 GT3 RS. Intorno al Nurburgring ovviamente, quei 24 tick della lancetta dei secondi del cronometro sono incredibilmente significativi. Trasformano la nuova RS in un'auto da “sotto i sette minuti”, registrando 6 minuti e 56 secondi attorno all’inferno verde. È veloce. Sorprendentemente veloce, anche per Andreas Preuninger, direttore della GT Product Line di Porsche, che aveva calcolato che la nuova GT3 RS avrebbe guadagnato 10, forse 15 secondi rispetto al modello precedente, un'auto che nessuno avrebbe mai descritto come lenta.

Com’è

Dal punto di vista estetico la nuova RS si differenzia poco rispetto alla generazione precedente. Le prese d’aria sul cofano sono il tratto distintivo più significativo, così come il disegno delle fiancate. Solo un appassionato ed entusiasta individuerà l'ala posteriore leggermente più alta e il diverso profilo delle prese d'aria nel paraurti anteriore. In generale l’aerodinamica è migliorata e questa RS raggiunge gli stessi livelli di carico aerodinamico della precedente con meno resistenza, merito anche del disegno del cofano e delle sue prese d’aria. Servono anche a raffreddare i freni e concorrono a rendere la RS un esempio di affinamenti nati per aumentare la velocità. È stato tutto merito della precisione, ammette Preuninger, con ogni elemento, dall’aerodinamica al motore, al cambio ai sistemi di controllo dello sterzo e al telaio, con questo precis...