Subaru Levorg: non chiamatela Legacy

Subaru fa debuttare anche sul mercato italiano la nuova Levorg, acronimo di Legacy Evolution Touring, una vettura che si vuole posizionare fra la Forester e la XV, come hanno sottolineato i vertici di Subaru Italia durante la presentazione. A vederla da fuori, mi accorgo subito che la Levorg è un’auto dalla duplice anima: aggressiva nelle linee e “da famiglia” nelle forme. Il frontale con la grossa presa d’aria per raffreddare l’intercooler e le numerose “bocche” affamate di aria fresca, mi fanno venire in mente quello della WRX, così come le bombature laterali; dietro e di lato, invece, le linee sono quelle classiche di una station wagon. Rispetto all’ultima declinazione della Legacy, la Subaru Levorg è più corta di 10 cm (4.690 cm) e decisamente più grintosa. Di serie monta un impianto di infotainment con touch screen da 6,2’’, compatibile con tutti gli smartphone in circolazione.


Cosa batte sotto il cofano?


Il motore è un 1,6 litri a iniezione diretta di benzina, rigorosamente a 4 cilindri contrapposti, sovralimentato con turbina twin scroll e capace di 170 CV a 4.800 giri: diciamolo, da una Subaru forse ci si aspetterebbe un pizzico di grinta in più, ma comunque se si pesta sul pedale dell’acceleratore, la Levorg si disimpegna discretamente. Come su tutte le Subaru, il moto è trasmesso a tutte e quattro le ruote con una ripartizione 50:50 fra anteriore e...