Volkswagen up!, restyling hi-tech

“Uno smartphone con un’auto attorno”, questo è la Volkswagen up! restyling. Una definizione di questo tipo era nell’aria da tempo, ma per la up! è stata utilizzata nel discorso di presentazione, poi vedremo perché. Obiettivo del rinnovamento è consolidare le vendite, 55.000 in Italia e oltre 650.000 in totale dal 2013. Quello della up! è un segmento di mercato (A, quello della Fiat Panda) molto combattuto, nel quale la tedesca cerca di affermarsi puntando più di prima sui colori e sui loro abbinamenti, oltre che sull’hi-tech.


Com’è


La riconosco subito che è nuova, perché il paraurti anteriore ha il profilo nero orizzontale che è diventato sporgente, mentre tra i fari si apre una presa d’aria più ampia di prima e sottolineata da un profilo cromato inferiore. Modifiche leggere, ma percepibili. Cambiano anche le calotte degli specchietti retrovisori che ora ospitano gli indicatori di direzione. Nel posteriore, la modifica più evidente è la tecnologia led per i fari, che si accompagna al nuovo disegno del paraurti. Dentro, sono soprattutto tecnologiche le novità della up! restyling. Su tutto, spicca il nuovo display da 5”, terminale di una piattaforma di infotainment rivista e che ora offre una più efficace connettività con dispositivi Android e iOS. Non solo: c’è la navigazione TomTom compresa nel prezzo, con m...