Il fuoriclasse della Formula 1 ha festeggiato 50 anni. Nessuno ha vinto quanto lui: 7 titoli mondiali

Buon compleanno Michael Schumacher. L'uomo della velocità ha festeggiato 50 anni il 3 gennaio e gli auguri sono arrivati da ogni parte del mondo, persino dagli avversari storici: McLaren, Williams... "E’ un onore dire di aver gareggiato insieme a te - ha detto Lewis Hamilton -. Sei stato sempre una vera fonte di ispirazione per me e per il mondo intero. Continua a combattere, Campione". Immancabile la voce di Maranello: "Siamo tutti con te Michael”. Per lui al Museo Ferrari è stata aperta la mostra “Michael 50” e l'hashtag #KeepFighting lo invita a non mollare mai, come ha sempre fatto anche in pista. E' una leggenda della Formula 1 e il nostro augurio speciale vuole rendergli omaggio ripercorrendo una carriera prestigiosa che ha emozionato milioni di persone.

Con Schumi il Cavallino tornò "Rampante"

Dici Michael Schumacher e pensi a Ferrari. La memoria va indietro a quegli anni in cui la Rossa aveva dimenticato come si vinceva in Formula 1: non tanto i Gran Premi, quanto i titoli costruttori e soprattutto piloti. Perché è con quelli che si passa alla storia. Il Cavallino Rampante non trovava né gli uomini né le vetture giuste. Poi, nel 1996, a Maranello venne deciso di ingaggiare a suon di miliardi (allora c'erano le lire) il pilota tedesco Michael Schumacher. Non uno sempre simpatico e di sicuro non uno facile da gestire. Ma uno che sapeva vincere: con la Benetton aveva appena conquistato i titoli piloti del 1994 e del 1995.

Michael Schumacher, i trionfi in carriera
Michael Schumacher, i trionfi in carriera

Al suo arrivo in Italia era già famoso, ma è assieme alla Ferrari che è diventato un mito dell'automobilismo contemporaneo. Già nel 1999, il Cavallino era tornato ad aggiudicarsi il titolo costruttori e l'anno dopo, proprio con lui al volante della F1 2000, una "rossa" era di nuovo sul tetto del mondo. Le prime quattro stagioni avevano riservato soddisfazioni, ma anche delusioni, oltre a qualche caduta di stile.

Michael Schumacher, i trionfi in carriera

Come la squalifica del 1997 quando era in lotta per il titolo con Jacques Villeneuve, al quale aveva provato ad impedire il sorpasso con una manovra vietata. Con l'affermazione del 2000 Ferrari chiudeva un digiuno durato 21 anni: i tifosi si dovevano consolare con il titolo ottenuto da Jody Scheckter nel 1979. Insomma, il terzo millennio era cominciato nel migliore dei modi ed era cominciata l'era di Schumacher.

Oltre 300 gare con 91 vittorie e 155 podi

Schumacher non ha mai avuto bisogno di essere troppo "simpatico", perché lui era un vincente. Tra il 1991 ed il 2012 ha corso 307 Gran Premi e ne ha vinti quasi un terzo, ma, soprattutto, è salito sul podio la metà delle volte. Impressionante. Il campione tedesco, classe '69, ha trovato in Rubens Barrichello una "spalla" ideale: nella scuderia c'è sempre stato un solo protagonista, come dimostrano gli ordini al brasiliano di lasciar passare il compagno di squadra e il lavoro ai box. Ma Schumacher ha ripagato tanta fiducia vincendo cinque titoli consecutivi e contribuendo a far vincere sei allori a Ferrari, cinque con Barrichello ed il primo con Irivine e Salo.

Michael Schumacher, i trionfi in carriera
Michael Schumacher, i trionfi in carriera

Nella sua bacheca ci sono 7 campionati di Formula 1: finora nessuno ha mai vinto tanto. La sua stella aveva cominciato a perdere di lucentezza nel 2005 (terzo) con l'avvento di Fernando Alonso, che non sarebbe mai riuscito a ripetersi a Maranello. Nel 2006 l'ultima stagione da protagonista, secondo, prima di annunciare un quasi trionfale ritiro. Ma dal suo dorato esilio nel castello svizzero non ha saputo resistere alle lusinghe di Mercedes, riuscita ad ingaggiarlo per le ultime tre stagioni, a partire dal 2010, culminate con un terzo posto a Valencia nel GP d'Europa nel giugno del 2012.

La donazione per le vittime dello Tsunami

Nonostante l'"offesa" a Ferrari, i fan sono rimasti molti. E fedeli. Gli hanno manifestato tutto l'affetto possibile dopo la sciata maledetta sulle Alpi francesi, il 29 dicembre del 2013. Schivo, ma umano, Micheal Shcumacher è sempre stato uno che alle parole ha preferito i fatti. La leggenda della Formula 1 ha accumulato un patrimonio che sfiora gli 800 milioni di dollari e di azioni benefiche ne ha fatte.

Michael Schumacher, i trionfi in carriera

Dopo lo Tsunami del dicembre del 2004 aveva messo generosamente mano al portafoglio con una donazione impressionante: 10 milioni di dollari (ci sono governi che hanno messo meno). Vincere insomma, ma non dimenticare. Anche per questo "indimenticabile".

Fotogallery: Michael Schumacher, la leggenda della Formula 1