Kia cee'd 1.0 turbo benzina: la prova delle "1000 curve"

Ma non sarà troppo piccolo? Un motore 1.000 di cilindrata su una macchina grande, intendo. Be', una strada tutta salite e discese - tra l'altro bellissima come panorami - e che viene chiamata strada delle "mille curve" mi è sembrata perfetta ed è così che, per provare il nuovo 3 cilindri del gruppo Hyundai-Kia (l'utlimo di questa categoria ad arrivare sul mercato), mi sono ricordato di essere anche motociclista oltre che "malato" di automobili. E ho deciso di portare la Kia cee'd GT Line 1.0 tra Todi e Orvieto. Un "mille" sulla 1000 curve, insomma, per una prova a cui ho dedicato un video e che ora vi racconto a parole.


Sembra che ne abbia di più


Guardandola da dietro, dei ragazzi che ho incontrato davanti ad un bar mi hanno chiesto "quanti cavalli ha? 200?". In effetti le due marmitte, i paraurti avvolgenti, le minigonne sotto le porte e - proseguendo verso la parte anteriore - i fari a Led che sembrano cubetti di ghiaccio e la grande apertura della calandra Kia farebbero pensare a più dei 120 CV sviluppati da questo turbo benzina. L'abitacolo, per contro, è meno "carico", più normale se volete, anche se non mancano sedili più profilati, cuciture a contrasto e materiali e rivestimenti più curati, come nel caso delle porte o della pedaliera in alluminio.


Come una volta (quasi)


Non mi aspettavo invece che il motore mi facesse tornare alla mente i turbo "veri", quelli che fino agli anni '80 e '90 avevano come marchio di fabbrica il turbo lag e il boost. Attenzione, non sto dicendo che la cattiveria sia la stessa (anzi, dopo il picco di coppia l'erogazione è costante e non si appuntisce in nessuna zona del contagiri), ma la sensazione che si ha sotto l'acceleratore sì. La differenza di spinta tra prima e dopo l'intervento della turbina (sotto e sopra i 2.000 giri), infatti, si sente molto di più che su altri 3 cilindri 1.0 sovralimentati: "il Ford, l'Opel e il Volkswagen". C'è più ritardo di risposta, meno gradualità nella spinta, mentre come suono e vibrazioni questo 3 cilindri Hyundai-Kia torna a comportarsi come i suoi "colleghi" di ultima generazione: è ben insonorizzato e non trasmette più sollecitazioni di un 4 cilindri.


Vuole che l'accompagni


Appartenente ad una generazione precedente, invece, è la servoassistenza elettrica dello sterzo, che infatti è meno omogeneo rispetto ad modelli più recenti del gruppo coreano, come ad esempio la Kia Sportage o la Hyundai i20. Rispetto invece a concorrenti più recenti - che hanno tutte nuove piattaforme, più rigide - sulla cee'd la sensazione è quella di dover accompagnare di più la macchina nelle traiettorie, per farle trovare l'appoggio. Quindi tenuta e soprattutto stabilità sono alte, però c'è un po' meno agilità nei cambi di direzione mentre le sospensioni, non essendo troppo rigide, riescono ad assorbire abbastanza bene le buche. Il cambio è leggero nei carichi di azionamento e ha una corsa corta (in cui a volte si incontra qualche resistenza) e sia il rumore di rotolamento delle gomme che quello di scuotimento delle sospensioni si fanno sentire; migliore, in confronto, l'insonorizzazione dai fruscii aerodinamici.


Consumi e prezzi


I consumi della Kia cee'd con questa motorizzazione sono di 10-11 km litro in città, dai 12 ai 18 fuori città (a seconda che guidiate allegramente o con un ritmo costante) e di 13 km con litro in autostrada, per medie complessive tra i 7,5 e gli 8 litri su 100 km (12-13 km al litro). Il tutto per una carrozzeria lunga 4,30 metri, un bagagliaio che come minimo offre 380 litri di capacità e prezzi che partono da 22.750 euro per la 1.0 GT Line da 120 CV e da 20.250 euro per la 1.0 Cool 100 CV. Sempre con i 7 anni o 150.000 km di garanzia tipici delle Kia e pochi optional, perché gli accessori di serie sono tanti.

Leggi la recensione completaVedi di meno