La coupé tedesca sarà anche open top: arriverà nel 2019 e noi ve l'anticipiamo così

A Monaco di Baviera si trova una sorta di eden per ogni amante della BMW, visto che qui il costruttore bavarese custodisce alcuni fra i modelli di “prova” che non ha mai messo in vendita: fra questi ci sono la M3 Compact, la M3 E36 GTR e la M5 E39 Wagon. Nel garage è conservato anche l’esemplare unico della Serie 8 Cabrio, mai realizzata in altri esemplari, se è vero – come rivelano le cronache del periodo – che la BMW considerò l’auto troppo costosa e scelse di abortire il progetto dopo averne costruita una sperimentale. Questo non si ripeterà con la seconda generazione della Serie 8, attesa quest’anno, che riceverà una variante a quattro porte (ispirata al prototipo M8 Gran Coupe) e anche una priva del tetto che vi proponiamo in questo rendering esclusivo.

Tanto comfort e il vento fra i capelli

La BMW Serie 8 Cabrio dovrebbe arrivare il prossimo anno e avrà un look quasi del tutto analogo alla nostra ricostruzione grafica, che abbiamo messo a punto ispirandoci agli esemplari di test e al prototipo della Serie 8 coupé. Le due sportive infatti saranno pressoché identiche: sulla Cabriolet ritroveremo quindi la mascherina a doppio rene più larga e rastremata, i fari anteriori all’insù e l’enorme cofano anteriore, che punterà verso la strada per dare slancio alla vista laterale e far apparire l’auto più cattiva. L’unica differenza sarà nel tetto, rigido sulla Coupé e in tela sulla Cabriolet, che avrà una capote in tessuto ripiegabile elettricamente anche con l’auto in movimento. Basterà quindi una manciata di secondi per godersi l’ebbrezza di guidare con il vento fra i capelli.

Lusso e dotazioni sono da Serie 7

L'interno sarà molto curato e non avrà nulla da invidiare a quello di una berlinona, dal momento che la BMW Serie 8 dovrà fare concorrenza alle prestigiose Bentley Continental GT e Mercedes Classe S Coupé. Sotto la carrozzeria ci sarà la meccanica a trazione posteriore o integrale della Serie 7, da cui le Coupé e Cabrio prenderanno in prestito anche i motori e le tecnologie di bordo: ci saranno un otto cilindri meno esasperato e un “nobile” V12, oltre al V8 della M8, per cui stimiamo una potenza superiore a 600 CV. Non dovrebbero mancare inoltre i sistemi di assistenza alla guida, a partire da quello che fa controlla lo sterzo, l’acceleratore ed i freni quando l’auto viaggia in colonna fino a 210 km/h.

BMW Serie 8 Cabrio, il rendering