Per avere diritto alla riduzione tariffaria potrebbe essere sufficiente la firma del contratto della Rca con scatola nera

Sconto Rc auto con scatola nera: novità in arrivo. Per avere diritto alla riduzione tariffaria sarà sufficiente la firma del contratto della Rca con black box: quello il momento decisivo, da cui scatta la sforbiciata sul prezzo. Dopodiché, nel giro di qualche giorno dalla firma, l’automobilista porterà la vettura all’officina indicata dalla compagnia e lì verrà installata la scatola nera.

Lo prevede un emendamento del M5S al decreto semplificazioni approvato dalle commissioni Affari costituzionali e Lavori pubblici del Senato: nelle prossime settimane la proposta di modifica verrà valutata dal Parlamento.

Si va per le lunghe

Comunque, a oggi, non c’è nessuno sconto obbligatorio per chi firma la Rca con scatola nera, con le compagnie che non sono tenute né a ridurre il prezzo né a concedere un preventivo di Rca con black box.

L’unico obbligo che hanno è quello di rilasciare un preventivo con Rca semplice dato che la legge concorrenza 124/2017 prevede sì sconti obbligatori per Rca con scatola nera ma con decreti attuativi ministeriali; che ancora non ci sono.

Cosa può succedere

Se e quando arriveranno i decreti attuativi della legge concorrenza 124/2017 scatterà uno sconto per chi monta la scatola nera ed è un guidatore virtuoso (non causa incidenti). Un doppio sconto a chi monta la scatola nera, è un guidatore virtuoso e vive in zone ad alto rischio incidenti e frodi Rca come, per esempio, Napoli e Caserta. Se l’emendamento al decreto semplificazioni sarà approvato, la riduzione scatterà alla firma del contratto.

Quali ostacoli

A opporsi fermamente all’obbligo di sconti sono le assicurazioni, che denunciano una violazione del principio di libera concorrenza imposto dall’Unione Europea. E lanciano l’allarme: se le Province del Sud godranno di doppi sconti, ci saranno compensazioni coi guidatori del Nord che saranno costretti a pagare Rca più costose. La partita si annuncia lunga e difficile, con le lobby che si scontreranno in Parlamento.