Piccoli ritocchi estetici e soprattutto un'inedita motorizzazione ibrida plug-in da 160 CV

Ha debuttato da poco il restyling della Renault Megane, con novità che non riguardano principalmente l'estetica - rinnovata in maniera molto leggera sia all'esterno sia all'interno - ma piuttosto sotto il cofano, con l'introduzione di un'inedita motorizzazione ibrida plug-in.

Un primo passo nell'elettrificazione per la compatta francese e disponibile inizialmente per la versione station wagon, per poi arrivare anche sulla 5 porte. Quest'ultima sarà declinata anche nella più potente versione R.S., col 1.8 turbo benzina da 300 CV e la sola trazione anteriore. Ma vediamo ora tutte le novità di questo restyling.

Lo sguardo è full LED

 

Al di là di paraurti ridisegnati con mano leggera e che si riconoscono giusto per le nuove prese d'aria, la vera novità della Renault Megane restyling è rappresentata dalla presenza delle luci full LED di serie per tutti gli allestimenti. Luci che non stravolgono l'aspetto dei proiettori, fedeli al classico disegno con "baffo" che scende nella parte inferiore.

Il posteriore come prima

 

Se davanti cambia poco, dietro a livello di novità estetiche non c'è nulla da segnalare. Anche qui però le luci sono full LED e gli indicatori di direzione diventano dinamici, favorendo la visibilità da parte degli altri automobilisti. Ci sono poi nuovi cerchi che variano da un minimo di 16 a un massimo di 18" e sfoggiano nuovi disegni.

Lo schermo si sdoppia

 

A prima vista anche in abitacolo sembrano non esserci particolari novità, ma è proprio qui che si concentrano la maggior parte dei nuovi contenuti della Megane restyling. Prima di tutto c'è la nuova - e inedita per la compatta francese - strumentazione 100% digitale, affiancata dal nuovo monitor da 9,3" monitor touch (sistemato in verticale) per il sistema di infotainment.

Nuovi sono anche alcuni dei comandi del climatizzatore, che integrano ora 2 piccoli monitor a indicare la temperatura, e nuova è anche la disposizione dei pulsanti sul volante, ora con i comandi per gli assistenti alla guida.

La prima elettrificata

 

La più grande novità della Renault Megane restyling però non si vede ma si sente. Si tratta della motorizzazione ibrida plug-in e-Tech derivata dalla nuova Renault Captur, composta da un 1.6 benzina aspirato e 2 motori elettrici, per un totale di 160 CV. Il pacco batterie è agli ioni di litio e sviluppa 9,8 kWh che, secondo il ciclo WLTP, permette alla compatta francese di percorrere 50 km in modalità 100% elettrica.

Altra novità importante è rappresentata dal Motorway and Traffic Assistant, sistema di assistenza alla guida di Livello 2 composto da cruise control adattivo, con funzione Stop&Go e mantenitore attivo della corsia.

Fotogallery: Renault Megane restyling (2020)