Debutterà il 4 novembre online col 2.0 turbo benzina portato ad almeno 333 CV

La nuova Volkswagen Golf R Sarebbe dovuta essere presente al Goodwood Festival of Speed, appuntamento inglese originariamente in programma per lo scorso luglio. Sappiamo però bene com’è andata, con la pandemia da coronavirus che ha cancellato in un sol colpo ogni evento sulla faccia della Terra, saloni dell’auto inclusi.

E così quella che sarà la Golf di serie più potente della storia si è fatta aspettare, dando appuntamento al 4 novembre per la presentazione ufficiale. Rigorosamente online. Nell’attesa ecco arrivare il primo teaser ufficiale.

Quanti cavalli

Al di là dell’aspetto, che abbiamo ricostruito nel nostro render qualche mese fa, ciò che davvero interessa della nuova Volkswagen Golf R è il suo motore. Sappiamo che sotto al cofano della compatta tedesca ci sarà il solito 2.0 turbo benzina 4 cilindri della serie EA888, portato a un livello di potenza mai toccato prima da nessuna Golf messa in commercio.

Volkswagen Golf 8 R Rendering

Da più parti si vocifera che toccherà i 333 CV, scaricati a terra da tutte e 4 le ruote tramite il classico cambio DSG doppia frizione a 7 rapporti, ma c’è chi dice che invece la potenza totale arriverà a 400 CV, come l’attuale Audi RS3. Ma chi avrà ragione?

Forse tutti: alcuni rumors infatti suggeriscono che, come avviene per la Golf GTI, anche la R si sdoppierà, offrendo 2 varianti di potenza. Sarebbe la prima volta per la versione più potente della compatta tedesca, ma mai dire mai.

Cosa sappiamo

Voci mai confermate, accompagnate però da alcuni dati ufficiali, come la presenza del nuovo sistema Vehicle Dynamics Manager a gestire la trazione integrale e integrato con altri elementi dell’auto, come ad esempio il differenziale anteriore XDS e il sistema di controllo adattivo del telaio DCC.

Altri dettagli dedicati alla nuova Golf R riguardano il motore che, al di là della potenza, è stato ottimizzato anche in altri elementi come il condotto raffreddato ad acqua che porta i gas di scarico alla turbina integrato nella testata le valvole ad alzata variabile e la doppia regolazione dell’albero a camme.

Ultima, ma non meno importante, la presenza anche della Golf R Variant, versione station wagon con le stesse caratteristiche tecniche della 5 porte.

Fotogallery: Volkswagen Golf R 2020, il rendering